Magazine Diario personale

Pampepato

Creato il 24 dicembre 2017 da Catia D'Antoni @viaggingiro

Esiste una disputa tra Terni e Ferrara, la “guerriglia” è su quale sia il migliore pampepato, che poi alcuni chiamano panpepato ed altri pampapato, ma per evitare discussioni 😉 io l’ho preparato alla romana. Vediamo insieme? Niente di più facile.

Sì niente di più facile che preparare un pampepato, più facile ancora del pangiallo, perché non abbisogna di lievitazione, e possibile prepararlo anche coi bambini; pronti?

Ingredienti:

  • farina 200 g
  • noci 100 g
  • mandorle 150 g
  • nocciole 150 g
  • miele 150 g
  • cioccolato fondente 200 g (+ altrettanto per la glassa facoltativo)
  • pepe in quantità a seconda del gusto
  • un po’ di cannella
  • un po’ di noce moscata
  • un po’ di scorza di arancia grattugiata
  • pochissimo burro per la teglia di cottura.

Preparazione:

Iniziamo con lo sciogliere il cioccolato fondente in un pentolino, lentamente ed a fuoco bassissimo; poi teniamolo da parte.

Prendiamo ora la nostra solita ciotolona e versiamo la frutta secca, se troppo grande potremo spezzettarla un po’;
uniamo il cioccolato sciolto, il miele, le spezie, la scorza di arancia e la farina;
amalgamiamo per bene il tutto, dovrà essere tutto ricoperto uniformemente con il cioccolato.

Una volta amalgamato tutto, possiamo iniziare a preparare e formare il nostro pampepato;
con questi ingredienti a me ne sono venuti due di media grandezza, ma per comodità se ne possono anche formare di più piccoli,
a voi la scelta.

Prendiamo ora una teglia e imburriamola leggermente e adagiamo il nostro pampepato; accendiamo il forno e portiamolo alla temperatura di 180°C;
raggiunta la quale possiamo cuocere il nostro pampepato per circa trenta minuti.

A cottura ultimata il pampepato è pronto, buono caldo e freddo… buono comunque direi;
alcuni usano poi preparare della glassa per ricoprire il panetto, altri no, comunque si fa prestissimo e vediamo come.

Glassa facoltativa:

Sciogliere lentamente in un pentolino del cioccolato fondente, facendo molta attenzione a non farlo bruciare, quindi a fuoco bassissimo;
una volta sciolto ricoprire il pampepato usando un pennello abbastanza largo.

Buona preparazione e siamo qui per vedere i vostri!

[See image gallery at www.viaggingiro.it]

!


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :