Magazine Cucina

Pan dei morti

Da Sweetangel

Si dice che in questo periodo dell’anno, che i Celti chiamavano Samhain, i confini tra cielo e terra si confondano, che il velo che separa il regno dei vivi da quello dei morti si assottigli.

Leggende e tradizioni popolari, certo ma, radicate nella cultura contadina, hanno travalicato i secoli e i limiti geografici per giungere fino a noi.

Vale anche per la Commemorazione dei Defunti, che per i cristiani è un periodo di riflessione e preghiera. Così, tra un lumino e un crisantemo, le tavole si imbandiscono di  dolci, frutta secca e Vin Santo.

Ed è appunto la ricetta del Pan dei Morti, un dolce tipico della tradizione sia lombarda che toscana, quella che vi lascio oggi.

Pan dei morti

Pan dei morti

250 g biscotti secchi ( i miei erano senza glutine)
125 g farina 00 (io ho usato la Nutrifree per dolci, senza glutine)
25 g cacao amaro in polvere
8 g lievito in polvere 
1/2 cucchiaino di cannella
la punta di un cucchiaino di noce moscata
150 g zucchero
60 g mandorle (o nocciole o pinoli)
60 g fichi secchi
60 g uvetta
60 ml vin santo
3 albumi

Mettere a mollo l’uvetta nel vin santo.
Sbriciolare  a mano o in un mixer i biscotti e unire tutti gli ingredienti secchi.
Frullare le mandorle (questa operazione viene meglio se prima avrete messo le mandorle in congelatore per qualche ora, così non rilasceranno tutto l’olio) e i fichi secchi.
Aggiungere la frutta secca tritata al mix di biscotti, farina, cacao e lievito e unire infine l’uvetta, con tutto il vino, e l’albume. 
Mescolare con le mani fino a ottenere un panetto lungo e stretto (aiutarsi con della carta forno).
Con una spatola, tagliare il cilindro in tante fette dello spessore di 1 cm circa, che andranno adagiate su una teglia rivestita di carta forno e modellate leggermente con le mani in modo da ottenere una forma vagamente somigliante a una foglia.
Spolverare con zucchero a velo e infornare a 180°C per circa 20-25 minuti.

Pan dei morti

Angela

L'articolo Pan dei morti proviene da Dolci Pasticci.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :