Magazine Cucina

Panini di semola di Terry

Da Zibaldoneculinario
Panini di semola di Terry
Fare il pane è sempre rilassante e piacevole, il profumo poi che sprigiona durante la cottura rende la casa più accogliente. Certo in estate non sempre si riesce a panificare, le temperature giocano a sfavore, ma spesso non riesco a resistere e quindi i familiari sanno che devono arrendersi.
Questi panini ad esempio li avevo provati quest'inverno e dovendo invitare amici a cena ho pensato di rispolverarne la ricetta ed ancora una volta mi ha sorpreso per la bontà e croccantezza.
Se poi lo farcite con qualche fetta di coppa piacentina DOP... be conquisterete tutti!
Vorrei ringraziare Terry, infatti la ricetta è sua, presa dal suo blog I pasticci di Terry, che però pasticci non sono anzi!!!! Andate a curiosare e vedrete!
Panini di semola di Terry

Panini di semola di Terry

Un assaggio????


Ingredienti
lievitino
2 g di lievito di birra fresco
50 g di farina manitoba
50 g di acqua
Impasto
400 g di semola di grano duro
200 g di farina 00
400 g di acqua (circa in base al grado di assorbimento della farina)
12 g di sale fino
1 cucchiaino di malto
Preparare il lievitino, facendo sciogliere il lievito nell'acqua a temperatura ambiente, aggiungere la farina, sbattere bene con una forchetta. Coprire e lasciar lievitare al raddoppio un'oretta circa.
Mettere la semola e la farina in una ciotola con coperchio, versare sopra 300 g dell’acqua prevista e lasciare in autolisi per circa un'ora.
Sciogliere il sale in 50 g dell’acqua prevista.
Passata l’ora aggiungere il lievitino raddoppiato al composto in autolisi, il malto  e poi mescolare con una forchetta e aggiungere anche l'acqua con il sale.
Impastare bene.
Lasciare riposare, coperto e fare dei giri al centro ogni 20/30 minuti per 3 o 4 volte.
Lasciare lievitare a temperatura ambiente per circa un'ora e poi mettere in frigo, fino al mattino dopo o almeno 8 ore.

Panini di semola di Terry

Ecco l'alveolatura


Quindi far acclimatare e controllare che sia raddoppiato, se non fosse si aspetta il raddoppio.
Cospargere di semola il piano di lavoro, allargare con le mani, senza rompere gli alveoli e dare la forma voluta.
Io ho fatto 8 pezzi che che poi ho ripiegato in 3 (come le pieghe).
Mettere a lievitare su carta forno ancora un'oretta e poi cuocere.
Accendere il forno a 240°C, quando è in temperatura, cuocere per circa dieci minuti,  e mettere una teglia con due dita d'acqua all'interno, quindi abbassare la temperatura a 180°Cuocere per altri 10/15 minuti.

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog