Magazine Società

Parigi, la sindaco Hidalgo: “Senna balneabile dopo il 2024 grazie alle Olimpiadi”. Si candida anche Budapest

Creato il 08 luglio 2015 da Stivalepensante @StivalePensante

Gara di Triathlon del 2024 nella Senna, poi fiume balneabile da quella data in poi per tutti i parigini. Lo ha annunciato oggi la sindaco della capitale francese, Anne Hidalgo, con un comunicato. Una promessa quella del primo cittadino parigino, lanciata per “sponsorizzare” la propria città nella designazione delle Olimpiadi 2024. Nel frattempo è ufficiale anche la candidatura di Budapest che si aggiunge proprio alla capitale francese, a Roma, Boston ed Amburgo. La scelta di una delle città candidate avverrà nel 2017.

(frenchmoments.eu)

(frenchmoments.eu)

Il progetto per la candidatura di Parigi alle Olimpiadi 2024. “La candidatura di Parigi per ospitare i Giochi olimpici nel 2024 – scrive la Hidalgo – si traduce da oggi nella mobilitazione di tutti i mezzi della nostra città: nel caso di vittoria di Parigi, la prova di nuoto del triathlon si svolgerà nella Senna e la città ci sta lavorando fin da ora”. “Grazie a questa candidatura – continua il comunicato – Parigi arriverà in anticipo all’appuntamento con il suo futuro: i parigini potranno farsi il bagno nella Senna dopo il 2024, grazie alle Olimpiadi. Si aprirà una nuova era per i parigini, che avranno riconquistato il loro fiume”.

Anche Budapest si candida. La città di Budapest e il Comitato olimpico ungherese hanno ufficialmente annunciato l’intenzione di presentare la candidatura per ospitare i Giochi olimpici estivi del 2024. Lo hanno reso noto il sindaco della capitale magiara, Istvan Tarlos, e Zsolt Borkai, capo del Comitato olimpico ungherese, inviando una lettera a Thomas Bach, presidente del Cio. “La città di Budapest e il Comitato olimpico ungherese hanno il desiderio di partecipare alla selezione per la scelta della città destinata a ospitare le Olimpiadi del 2024″, si legge nella missiva inviata al Cio. “Accogliamo con favore anche il fatto che il Cio si sta orientando a un’organizzazione economica più sostenibile dei Giochi, in modo da rompere il monopolio dei più grandi e ricchi paesi”, hanno scritto Istvan Tarlos e Zsolt Borkai, rispettivamente sindaco di Budapest e capo del Comitato olimpico magiaro. Alcuni mesi addietro, lo stesso Tarlos si era opposto alla possibilità che la capitale ospitasse la manifestazione del 2024, poi però aveva cambiato idea per via della possibilità di contenere le spese per l’allestimento di una manifestazione di queste proporzioni.

La città di Budapest si unisce a Roma, Boston, Parigi e Amburgo, che hanno già presentato ufficialmente le proprie candidature per ospitare le Olimpiadi 2024. Il termine ultimo per presentare altre eventuali candidature è fissato per il 15 settembre prossimo. (ANSA)


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :