Magazine Media e Comunicazione

Patricia Arquette debutta in “CSI” per il possibile spin-off sul cybercrimes

Creato il 30 aprile 2014 da Linda93

Dopo aver trascorso sette anni a parlare con i morti e risolvere macabri omicidi in “Medium”, Patricia Arquette è entrata nel mondo del crimine.Patricia Arquette debutta in “CSI” per il possibile spin-off sul cybercrimes

La vincitrice di un Emmy questa sera oltreoceano sarà guest star in “CSI: Crime Sene Investigation” nei panni dell’agente Ryan Avery, un’esperta di cybercrimes che arriverà a Las Vegas per risolvere un caso che coinvolge il sesso, Internet e la morte della moglie del proprietario di un casinò. La puntata intitolata “Kitty” sarà un pilot provvisorio per “CSI: Cyber”.

È impossibile non trovare un articolo sulla criminalità informatica leggendo il New York Times” dice il creatore della serie, Anthony Zuiker. “È piuttosto spaventoso e difficile da credere al mondo d’oggi, ma è nulla in confronto a ciò che il mondo affronterà tra 5 anni. Come avverranno le rapine in banca nel futuro? Le estorsioni? Come le persone ne saranno colpite? Tutto sarà immaginato in modo inaspettato”.

La l’agente Ryan è qui per salvarci. “È molto più di un’esperta in tecnologia” osserva Zuiker. “È una comportamentista criminale che capisce l’arte della manipolazione, legge i segni facciali, il linguaggio del corpo e non userà dei strani trucchi”.

In un primo momento D.B. Russell e il suo team saranno diffidenti delle motivazioni di Avery.Lei si mantiene molto al suo ruolo ed ha un forte senso del diritto” dice Arquette che potrebbe divenire il primo volto femminile di una serie CSI.

“I produttori hanno reso chiara la loro idea di voler aiutare le persone, quella è stata la nostra prima conversazione e mi ha molto emozionata” confessa l’attrice. “Come mamma cerco sempre di capire come difendere i miei bambini, specialmente quando si tratta di internet. Tutti vogliamo la sicurezza informatica. Come abbiamo imparato da Edward Snoden, non si ha mai la sicurezza di cosa stia accadendo. Mi piace tale concetto e uno show che lo affronti. Ne abbiamo bisogno!”.   [TV Guide]


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog