Magazine Attualità

Paura di colera in pakistan dopo le gravi inondazioni che hanno colpito il paese. i talebani aiutano il popolo in pericolo

Creato il 03 agosto 2010 da Madyur
Il Pakistan ha inviato equipe mediche nelle zone colpite dalle alluvioni a nord -ovest del paese in mezzo a timori che il colera potrebbe diffondersi, acausa della peggiore inondazione nella storia del paese che ha portato a 2 milioni di sfollati.
Si stima che 1.200 persone sono morte dopo le piogge monsoniche estremamente pesanti e innescato acque alluvionali nella provincia di Khyber - Pakhtoonkhwa . Save the Children ha detto che le inondazioni potrebbero essere più dannose del terremoto del 2005 in Kashmir pakistano che ha ucciso oltre 75.000 persone .
I sopravvissuti di fronte alla minaccia di malattie a base acquosa , che potrebbero uccidere migliaia di persone se non si riesce a fornire sufficiente acqua potabile e isolare le vittime nei campi profughi affollati.
"Per evitare l'incombente minaccia della diffusione di malattie trasmesse dall'acqua , in particolare il colera, che abbiamo spedito decine di team medici mobili nei distretti colpiti ", ha detto Sohail Altaf , l'alto funzionario medico in Khyber - Pakhtoonkhwa .
I funzionari devono ancora ricevere i rapporti concreti di casi di colera , ma la paura del rischio di insorgenza di un focolaio è alta, Altaf ha detto. I pazienti con problemi di stomaco causati da acqua sporca erano trattati nei campi medici del governo , ha aggiunto.
Le inondazioni hanno costretto 2 milioni di persone a fuggire dalle loro case, e residenti hanno espresso la loro rabbia contro il governo per non aver abbastanza fornitura di assistenza d'emergenza.
I funzionari di governo dicono che hanno implementato migliaia di soccorritori , che hanno finora salvato circa 28.000 persone e distribuito prodotti alimentari di base . Il primo ministro , Syed Yusuf Raza Gilani , ha ordinato di chiedere un piano di emergenza alle Nazioni Unite .
L'esercito ha inviato circa 30.000 soldati e decine di elicotteri , ma la scala del disastro è enorme e migliaia di persone rimangono intrappolate dalle acque alluvionali .
La rabbia delle vittime delle inondazioni costituisce un pericolo per il governo , che è in concorrenza con i movimenti islamici per portare gli aiuti in una regione dove i talebani hanno una forte influenza .
"Abbiamo bisogno di tende. Basta guardarsi intorno ", ha detto una vittima di alluvione, Faisal Islam. Era circondato da centinaia di persone in alloggi di fortuna nel distretto di Nowshera .
Come molti altri residenti nel paese nord- ovest, vittime delle inondazioni nel villaggio di Kamp Koroona guadano l'acqua nelle loro case danneggiate , nel tentativo di salvare ciò che potevano . L'esercito ha fornito olio da cucina e zucchero.
Save the Children ha detto che nove ponti su 10 erano stati resi inutilizzabili nella valle di Swat , lasciando molte zone tagliate.
Waheed Shah, un esperto di emergenze per la ActionAid , che è appena tornato dalla capitale della regione , Mingora, ha dichiarato: " solamente gli elicotteri possono raggiungere le persone con scorte di cibo vitale . Le famiglie che hanno perso tutto sono intrappolate e non ci sono mezzi adeguati per distribuire cibo a coloro che ne hanno più bisogno . "
Partner internazionali del Pakistan hanno cercato di potenziare la risposta del governo , offrendo milioni di dollari in aiuti d'emergenza. Il governo britannico ha offerto 5 milioni di sterline per le attività di aiuto , pur essendo coinvolto in uno scontro diplomatico con il Pakistan per i commenti di David Cameron la scorsa settimana che collega il paese all'esportazione del terrorismo.
Le Nazioni Unite e Usa hanno detto nel fine settimana che avrebbero fornito 10 milioni di dollari (£ 6.3m ) ciascuno in aiuti d'emergenza . Gli Stati Uniti hanno inoltre fornito le barche di salvataggio, unità di filtrazione di acqua, di ponti prefabbricati in acciaio e migliaia di pasti confezionati.
I rappresentanti di un ente di beneficenza presumibilmente legati al gruppo Lashkar-e- Taiba militante ha distribuito cibo e ha offerto assistenza medica alle vittime nella città di Charsada durante il fine settimana . "Stiamo raggiungendo le persone , in particolare donne e bambini che sono bloccati nelle loro case ", ha detto un attivista di Falah -e- Insaniat .
madyur

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog