Magazine Informazione regionale

PAVIA. I numeri del successo della mostra dedicata ai Longobardi. Ora a Napoli e poi a San Pietroburgo

Creato il 22 dicembre 2017 da Agipapress
PAVIA. I numeri del successo della mostra dedicata ai Longobardi. Ora a Napoli e poi a San PietroburgoPAVIA. 62.905 biglietti staccati, 706 visitatori al giorno, di cui 8.416in una sola settimana. Sono solo alcuni dei numeri da record presentati della mostra "Longobardi - un popolo che cambia la storia", allestita presso i Musei Civici fino allo scorso 3 dicembre. La mostra resterà allestita a Napoli fino al 25 marzo per poi spostarsi a San Pietroburgo. "È stata colta l'idea del nesso Longobardi-Pavia - ha commentato il sindaco Massimo Depaoli -. Tutto questo ha lasciato traccia nella nostra città, con visitatori che hanno visitato le cripte, tracce consistenti della storia longobarda. Quel primo abbozzo di stato unitario che i Longobardi stavano tentando di costruire ci spinge oggi a riflettere sul senso di unità nazionale". 1.071 i gruppi organizzati e 349 le scolaresche che hanno visitato la mostra, gruppi provenienti da 48 province, più o meno la metà delle province italiane. I visitatori alla cripta di sant'Eusebio sono stati invece 19.457. "Abbiamo chiesto ai fioristi di abbellire la cripta per iniziare il percorso di visita che cresciamo possa continuare nel tempo" ha commentato il vicesindaco Angela Gregorini. 8 i ristoranti coinvolti, selezionati dalla Camera di Commercio come ristoranti tipici; 26 i negozi di vicinato divenuti testimonial della Pavia Longobarda. "Ancora oggi che la mostra è finita - precisa Gregorini - questi negozianti continuano a chiederci cartine degli autobus e materiale informativo perché moltissimi cittadini e turisti si rivolgono a loro per poter girare la nostra città. Non ce lo aspettavamo, tanto che stiamo pensando di agganciare a tutto ciò un progetto l'anno prossimo. Questa mostra è uno dei più grandi successi della nostra amministrazione. Siamo riusciti a lavorare nel modo giusto per spingere la gente a vivere la città".
Serena Baronchelli

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :