Magazine Informazione regionale

PAVIA. La Hall of Fame del pugilato italiano promossa dal Club Ex Pugili pavese

Creato il 27 ottobre 2017 da Agipapress
PAVIA. La Hall of Fame del pugilato italiano? Non ci aveva pensato nessuno fino ad oggi, quando il Club Ex Pugili di Pavia si è fatto promotore di questa iniziativa. “L’idea mi è venuta parlando con Dario Torromeo e Flavio Dell’Amore di Boxe Ring Web – spiega il presidente del Club pavese Andrea Corda – loro sono stati i primi a deporre il marchio ma non avevano ancora realizzato questo museo di grandi campioni”. L’International Boxing Hall of Fame (IBHOF) esiste e si trova a Canastota, New York, Stati Uniti d'America. L'IBHOF è una delle due Hall of Fame riconosciute internazionalmente, l'altra è la World Boxing Hall of Fame. Ogni anno vi si svolgono le cerimonie che onorano i nuovi "introdotti", frequentate da molti ex campioni del mondo della boxe e da celebrità di Hollywood. I pugili professionisti devono attendere cinque anni dal ritiro per essere ammessi nella Hall of Fame. “In Italia siamo i primi a muoverci per realizzare questa iniziativa sul modello di quella americana – continua Corda - siamo venuti in contatto con BoxeRingWeb perché come Club volevamo aiutare Bepi Ros, peso massimo del Veneto che  nel 1964 conquistò la medaglia di bronzo alle Olimpiadi di Tokyo. Boxeringweb ha infatti aperto un conto presso la Banca di Romagna di Forlì, a nome di Flavio Dell’Amore Editore, in favore di Bepi Ros per aiutare il nostro campione in un momento di grandi difficoltà per sé e per la sua famiglia, a causa di gravi problemi di salute ed economici. Dopo essere intervenuti, a tavola ci è stato proposta questa idea della Hall Of Fame e l’abbiamo subito accolta”. Corda ha informato i soci del club pavese ed insieme hanno deciso di aderire alla proposta per premiare gli ex pugili che hanno fatto la storia della boxe italiana e mondiale. “Abbiamo deciso di creare una commissione – continua Corda – oltre al presidente onorario del Club Giancarlo Mezzadra, mio predecessore per 21anni e attuale direttore sportivo della Pugilistica Pavia, ci sarà anche il professor Mario Ireneo Sturla, grande esperto di pugilato, mentre gli altri membri li stiamo tuttora definendo. Il modello è quello americano di individuare ogni anno dei campioni e premiarli”. La collocazione del museo potrebbe essere nei locali della sede del Club.
Maurizio Scorbati

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :