Magazine Società

Pensieri generati dalla lettura di un romanzetto contemporaneo che passa per molto saggio e fatalmente ingegnoso

Creato il 09 marzo 2011 da Andreapomella

Pensieri generati dalla lettura di un romanzetto contemporaneo che passa per molto saggio e fatalmente ingegnosoFino ai ventiquattro anni ho viaggiato molto. Poi quasi più niente. La mia vita da nomade si è quasi autosospesa, per una serie di ragioni difficilmente inquadrabili. Così ne ha risentito la mia visione delle cose. Fino ai ventiquattro anni non temevo di passare una notte letteralmente sotto un ponte, o nell’atrio di una stazione, o in un prato gelato di brina alla periferia di una grande città europea. Ho l’impressione che tutti quei vagabondaggi fossero il carico da stipare nella mia sacca, un carico che ancor oggi serve ad alimentare le mie giornate. La vita, la grandezza dei sentimenti, la verità sull’amore e sugli uomini di questa terra, l’ho appreso dormendo sotto le stelle, mangiando cibo da scatolette scadute, parlando coi veri vagabondi di sessant’anni che suonavano la chitarra nelle stazioni o rubavano gli spiccioli nei carrelli abbandonati. Oggi tutto questo mi sembra così lontano, oggi che non ho più ventiquattro anni, che faccio una vita appartata nel silenzio di me stesso, che mi lascio galleggiare tra i mestieri e nell’aridità di una vita cittadina mediocre e intontita. Se ripenso oggi a quegli anni, sento il sapore della vera letteratura, quella che possiede la grazia di restituire la verità dell’essere. È una letteratura immaginata, o la somma di tanti brani ghermiti qua e là, letti in un treno, o sotto il sole di agosto di una città andalusa. È una concomitanza di seduzioni che mi porto dentro come ricordi di vita realmente vissuta. Quello che leggo oggi invece è intrattenimento, contraffazione della vera vita, imitazione del dolore, quello che leggo oggi mi sembra tutto così ridicolo.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Pensieri...

    DDD...potrebbe essere l'acronimo del mio blog...ovvero: Diario di Donna.Perchè è così che è nato...Ho sempre pensato che un diario è tale quando appunti i tuoi... Leggere il seguito

    Da  Mamma Non Basta
    FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • Pensieri sparsi

    Sono persa, come molte di voi, nella frenesia del lavoro pre-ferie.(ferie? what is ferie?)Non basta il tempo per fare tutto.Quel poco di cervello che rimane... Leggere il seguito

    Da  Slela
    FAMIGLIA, MATERNITÀ, SOCIETÀ
  • Pensieri di fine anno in ordine sparso

    Pensieri fine anno ordine sparso

    Eh si, da tempo mi riprometto di riprendere in mano con regolarità le redini di questo blog, di superare la nausea che l’attualità e le sole parole spesso... Leggere il seguito

    Da  Chit
    SOCIETÀ, TALENTI
  • Pensieri ricorrenti di oggi

    Prima di dormire, pensieri ricorrenti di oggi, lunedì 24 gennaio. Questo penso mentre vado in giro.-Un sorriso da uno sconosciuto per strade vale più di una... Leggere il seguito

    Da  Carlo_lock
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Tra giustizia e forza: pensieri da pascal

    giustizia forza: pensieri pascal

    "[...]172. GIUSTIZIA, FORZA. E' giusto che quel che è giusto sia seguito, è necessario che quel che è più forte sia seguito. La giustizia senza la forza è... Leggere il seguito

    Da  Alessandro
    SOCIETÀ
  • Numeri e pensieri

    Numeri pensieri

    Era il 25 gennaio quando ho iniziato a scrivere questo Blog, anche se vi sono testi più datati, che sono stati importati da un blog su piattaforma Wordpress,... Leggere il seguito

    Da  Giancarlo
    SOCIETÀ
  • Pensieri di una fanciulla

    Pensieri fanciulla

    * THOUGHTS OF A YOUNG GIRL“It is such a beautiful day I had to write you a letter From the tower, and to show I’m not mad: I only slipped on the cake of soap... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ

Dossier Paperblog

Magazine