Magazine Famiglia

Pensierozzi in margine all'idea del fotografare

Da Bimboverde
La luce di questi giorni è proprio bella , potente e morbida. Ci sto ancora attento , sebbene con la fotografia digitale e i suoi molti aspetti creativi, l'impostazione tecnica della fotocamera sia diventato un dettaglio. Personalmente ho imparato a fotografare a tredici i anni con la vecchia Minolta di mio padre. Ancora adesso regolo tempi e diaframmi, sebbene talvolta non sarebbe necessario, così come uso il cavalletto che mi da un modo di vedere le immagini molto educato . Trovo interessanti queste nuove possibilità, ma cerco di usarle nella maniera più onesta possibile. Il digitale e l' elaborazione successiva hanno modificato il concetto stesso di fotografare, hanno aggiunto all'atto di ritrarre un' immagine, la possibilità di correggerne gli elementi costitutivi e cromatici in modo facile e professionale. Questo nuovo abito del fotografare, in fondo, ha però solo potenziato un aspetto che sempre si è trovato in nuce nell'arte di riprodurre la realtà. In fondo lo sviluppo tradizionale può imprimere vari e diversi caratteri alle foto che produce. I nuovi programmi, la facilità con cui si vede l'immagine ottenuta, hanno solo reso più lineare e diretto questo aspetto Mi limito in quest'ambito alle applicazioni più generali della correzione, il ritaglio, il raddrizzamento dell'orizzonte e la cura dei toni e della temperatura. Il resto andrebbe usato con grande parsimonia. E' veramente un attimo rovinare una foto, creare un brutto effetto sfocato o posterizzato , come si vede, talvolta negli album dei matrimoni di qualche fotografo da strapazzo. Anche perchè se una foto ci convince e funziona, spesso non serve altro, ci colpisce come un pugno in faccia o un fischio sottile e raramente la sbagliamo , perchè , in quel momento, la nostra mente fa lo stesso lavoro di un programma eletrronico e cioè taglia tutto il superfluo, opera filtri e interpretazioni, spesso le meno obiettive e realistiche, fa grandi scelte di contenuto e significato, critica, corre.
Per asurdo la fotografia è il mezzo più arbitrario con cui possiamo descrivere la realtà.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

A proposito dell'autore


Bimboverde 144 condivisioni Vedi il suo profilo
Vedi il suo blog

L'autore non ha ancora riempito questo campo L'autore non ha ancora riempito questo campo L'autore non ha ancora riempito questo campo

Magazine