Magazine Tecnologia

Perchè si festeggia halloween il 31 ottobre?

Creato il 28 ottobre 2017 da An_noblog

Perchè si festeggia halloween il 31 ottobreOgni anno, in tutto il mondo, il 31 ottobre sono molte le persone che festeggiano Halloween, senza sapere il perché. Nonostante ciò, anche in Italia, i bambini si mascherano da zombie, streghe e fantasmi andando in giro chiedendo dolcetti altrimenti son scherzetti.

Nelle case e nei locali si organizzano feste in costume a suon di luminarie a forma di zucca. Una tradizione che è sbarcata in tutto il mondo senza che molti sappiano il perché si festeggia halloween proprio il 31 ottobre. Per conoscere il motivo di questa tradizione si deve risalire alla notte dei tempi, dove si trovano le origini della festa di Halloween.

Perché si festeggia halloween: le origini primitive

Per giungere alle origini della festa di Halloween si deve correre indietro nel tempo. Circa 2000 anni fa i Celti, una popolazione che andava dalle Isole britanniche fino al bacino del Danubio, avevano un proprio calendario. Per loro, il primo novembre era l’origine del nuovo anno, quindi il 31 ottobre capodanno. In particolare, tale data segnava la fine della stagione calda e l’avvento di quella fredda. Una sorta di cambio di stagione in un momento nel quale il concetto di stagione non sussisteva ancora, così come non esisteva il calendario. Solo con la modernità si è giunti a datare le ricorrenze, adattandole ai periodi che si succedevano. Ad ogni modo, due eventi concomitanti; il capodanno e il nuovo periodo dei freddi.

I Celti poi pensavano che, a causa di questi avvicendamenti, le anime dei morti tornavano a far visita alle proprie case e alle proprie e famiglie. Quindi, per celebrare degnamente i loro defunti, le genti giravano di casa in casa chiedendo piccoli doni sotto forma di cibo. Questa tradizione giunge ai giorni nostri con “trick or treat?”: dolcetto o scherzetto.

Ad ogni modo, la ricorrenza, all’epoca si chiamava SAMHAIN, dal gaelico  ‘samhuinn’, etimologicamente summer’s end, fine estate. Con il tempo, i costumi si tramutarono e crebbero le prime leggende.  In occasione del SAMHAIN si cominciarono ad accendere fuochi e a decorare rape incavate con un lume all’interno. Delle primitive lanterne che raffiguravano il volto dei demoni da scacciare. Quelle che sarebbero poi state le zucche dei giorni nostri, più comode e semplici da reperire.

Perché si festeggia halloween: le origini moderne

Con un salto nella storia si giunge così all’epoca di Gregorio IV. Siamo a metà del VII secolo dopo cristo. La cristianità cresce ed il Papa decreta il giorno di tutto i santi, che all’epoca cadeva il 13 maggio. Il rito cattolico si propaga fino alle terre dei Celti e si fonde con il culto di SAMHAIN.

Mondo Cristiano e pagano giungono ad una via di mezzo, nasce quella che è chiamata la ricorrenza  di “All Hallows’ Eve” che tradotta significa “notte di tutti gli spiriti sacri”, dove all’interno ci sono anche i santi, da qui l’origine del termine Halloween. Resta in piedi, nei territori Celtici, la tradizione dei fuochi e delle lampade.

Le lancette dell’orologio scorrono, le due ricorrenze che sembravano dover essere una, restano scisse. Il 31 ottobre per Halloween mentre per Ognisanti si giunge al 2 novembre.

Nel mentre, con un salto nella storia, gli inglesi colonizzano le Americhe, siamo a metà del 1600, trascinandosi usi e costumi delle terre di origine. Halloween quindi si propaga, fino a giungere ai giorni nostri in quella che è una festa del consumismo, cosi come San Valentino e il Natale.

Potrebbe interessarti:Festa della donna: perché la si festeggia l’8 marzo?


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :