Magazine Politica

Perditempo, potenti, potentissimi e arroganti

Creato il 05 aprile 2016 da Massimoconsorti @massimoconsorti
Perditempo, potenti, potentissimi e arrogantiGovernare è maledettamente difficile, specie in Italia dove la suddivisione in "arti e mestieri" è la stessa che nel Milledugento. Gli interessi che si portano avanti, sono quelli che riguardano la nostra categoria di appartenenza; in poche parole l'interesse comune non esiste. Il popolo italiano, compreso chi scrive, è parcellizzato, una volta si diceva sclerotizzato, all'interno della propria attività lavorativa e quindi, di una personalissima categoria. Taxisti, farmacisti, notai, idraulici, medici e infermieri, pusher, agenti di pubblica sicurezza, personale ata, custodi di museo, escort, petrolieri, industriali, figli di..., imbianchini, tappezzieri, ceramisti, preti e perditempo (uno dice, che fai? Il perditempo. E già si è iscritto a una categoria), lottano con le unghie e con i denti per mantenere intatto il loro status. Guai a cercare di cambiare perché a tutti sta bene così.Il governo? E' una porcheria se prova a toccare un privilegio consolidato nel corso di ventenni, trentenni, quarantenni e cinquantenni. Praticamente da quando l'Italia si unì (inno, alzabandiera e mano sul cuore, please).Ultimamente, alle già mille e più categorie che compongono il nostro contesto sociale, se n'è unita una che esisteva già ma, apparentemente, senza la presunzione di dotarsi di uno statuto, un regolamento e una serie di norme attuative. Parliamo della categoria degli arroganti, quella che Treccani definisce "che tratta gli altri con insolente asprezza e con presunzione".Direttamente proporzionale all'ignoranza, l'arroganza è immediatamente riconoscibile da chi la pratica, meno da chi si sente travolto da un mare di parole, spesso senza senso, che testimoniano solo una maggiore capacità verbale, solitamente non comprovante altrettanta professionalità e conoscenza.I politici tutti, senza distinzione di sesso, età, appartenenza, studi primari e secondari, appartengono a questa categoria. Ma la cosa che ci fa impazzire, è quando se la attribuiscono a vicenda. Brunetta che dà dell'arrogante a Renzi è tutto da ridere, meno quando lo fa Cuperlo, perché con la sua aria da serial killer perbene, corre il rischio di sviarci. L'arroganza è quella sindrome psichiatrica che porta ad assiomi. Tutto quello che dicono è vero semplicemente perché lo dicono loro. Che poi si menta a ogni piè sospinto è un fatto che non riguarda i politici perché, domani è un altro giorno e quello che hanno detto oggi vale per oggi e non per domani.Portatori sani della sindrome di Vercintorige, abbiamo sempre preferito i perdenti con l'onore delle armi, ai vincenti senza merito, quelli che pur di vincere pescano nel torbido, ché tanto quel pesce se lo mangeranno gli altri. E vincere senza merito, è uno degli alibi possibili per disegnarsi addosso l'atteggiamento dell'arrogante, quell'essere viscido (e tremebondo alla prima folata di vento contro), che ti investe di parole alzando la voce perché la ragione non basta. Purtroppo, colpevole l'informazione soprattutto televisiva, l'arroganza è diventata un fenomeno senza più confini nobili, quelli delle aule parlamentari, ma mobili sì. Basta vincere, che so, le primarie del PD a qualsiasi latitudine, e ci si sente improvvisamente padreterni con il colpo in canna. Ma forse il PD è un caso a parte, perché anche quando si perdono... Basta essere candidati sindaci, perfino di un paesello di trecento anime, e l'aspetto fisico cambia, cambiano gli atteggiamenti, cambia lo stesso rapporto con moglie o marito e figli, cambia la camicia e la cravatta, le scarpe ma soprattutto il modo di porsi. Il “io sono io e voi...” con quel che segue, diventa il motto di Cetto, buono per guardare dall'alto in basso chi su quella poltrona ti ci ha messo. Il potere logora chi non ce l'ha, ma anche chi ce l'ha (oggi) non è che stia messo tanto bene.

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog