Magazine

#PerElisa

Creato il 19 marzo 2016 da Sognidirnr

Venerdì ho letto un articolo particolare sul blog di Matteo Gamba, Diario di Adamo, lo trovate sul sito di VanityFair. E’ arrivato nella mia Timeline nel momento più opportuno.

L’articolo si intitola #PerElisa: leggete la sua bellissima lettera. Qualcuno osa dire ancora che siamo tutti uguali?  e riporta l’email di questa ragazza,32 anni, mille lavori svolti,università ancora in corso, tante difficoltà ma ancora tanti sogni.

Ho iniziato a leggere la sua lettera per curiosità e ad ogni riga sentivo crescere in me un’empatia incondizionata per questa ragazza,per la sua storia, ma anche tanta rabbia e desolazione.

Viviamo in un mondo che non ci vuole persone con sogni,desideri,abilità proprie; siamo solo numeri in questo paese e con numeri veniamo valutati: che siano voti di laurea, anni che abbiamo, anni che abbiamo impiegato per fare od ottenere un riconoscimento, l’elenco di master e altre carte o attestati che abbiamo avuto… Tutto enumerabile ciò che conta,almeno per loro che ci osservano e valutano.

Ma non si tiene conto dei lavori svolti magari per pagarsi gli studi, non si tiene conto delle difficoltà, non si tiene conto delle peripezie o problematiche personali,non si tiene assolutamente conto delle rinunce.

E quando gli altri ti passano avanti,continuamente, ti chiedi se sei davvero messa così male,se forse sei tu sbagliata,se non stai facendo abbastanza. Malgrado ingoi bocconi amari,fai il tuo,non sei con le mani in mano,anzi… Però ti senti giudicata(male)

In quanti siamo Elisa? Perché io non ho la sua età,ne ho meno di anni, ma spesso mi sento sfinita,stanca, come se ce la mettessero tutta per farmi sentire inadatta,insoddisfatta di me stessa, inappropriata e sbagliata.

Delle volte si finisce in un limbo senza uscita e l’unica domanda che ci si pone è “ma sarò solo io a pensarla così? Sono io a essere sbagliata?”

#PerElisa è l’Hashtag con cui su Twitter ognuno di noi ha potuto lasciare un commento a questa lettera. Io vi invito a leggere l’articolo se ne avete tempo. Ne vale la pena.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog