Magazine Salute e Benessere

Pesticidi e interferenti endocrini: la vera minaccia è l'effetto cocktail

Creato il 17 maggio 2019 da Informasalus @informasalus

pesticidi

“Stiamo sottovalutando l’effetto cocktail di pesticidi e interferenti endocrini”. A lanciare l'allarme sono gli scienziati in un articolo appena uscito su Horizon, il magazine della Commissione europea dedicato a ricerca e innovazione.

“Siamo esposti a migliaia di sostanze chimiche allo stesso tempo, spesso a basse dosi, ma in alcuni casi possono interagire e potenziare gli effetti reciproci”, ha spiegato la dottoressa Joelle Ruegg, tossicologa molecolare presso l’Istituto di medicina ambientale dell’Istituto Karolinska. a Stoccolma, in Svezia.

Gli studiosi in particolare fanno riferimento agli interferenti endocrini, sostanze chimiche artificiali che interferiscono con il nostro sistema ormonale. Esempi di queste sostanze sono gli ftalati e il bisfenolo A utilizzati nelle materie plastiche, ma anche i pesticidi. Ignorare le combinazioni di queste sostanze può farci sottovalutare importanti effetti sulla salute.

La Ruegg ha collaborato a uno studio europeo chiamato EDC-MixRisk sull’impatto delle miscele chimiche sulla salute e lo sviluppo dei bambini. Lo studio ha misurato i livelli di esposizione di 41 sostanze chimiche nel sangue e nelle urine di oltre 2.000 donne incinte in Svezia. Quando le sostanze chimiche sono state testate una per una nelle cellule e negli animali, c’erano pochi effetti, ma quando sono state testate miscele di 8 o 15 composti su animali ai livelli trovati nelle donne, lo sviluppo sessuale e il metabolismo di pesci e topi sottoposti a test sono stati influenzati. “Abbiamo visto effetti in molti dei nostri modelli a livelli paragonabili a quello che potremmo misurare nelle donne incinte”, ha affermato Ruegg.

Sulla base dei livelli nelle donne incinte, l’11% dei bambini era a rischio di avere problemi con lo sviluppo sessuale a causa di miscele.  Un rischio che scende all’1% se si tiene conto solo delle singole sostanze chimiche, una alla volta.

Il problema è che le sostanze chimiche sono regolamentate come composti singoli, spesso sotto leggi separate o da diversi regolatori, che non riflettono il modo in cui le incontriamo. “Ma all’organismo non interessa se si tratta di un pesticida o plastificante, o se si trova nel cibo o nelle bevande. Sarà importante affrontare le miscele insieme”, spiega Ruegg.

Dello stesso avviso è la dott.ssa Marike Kolossa-Gehring, biologa e tossicologa presso l’Agenzia tedesca per l’ambiente di Berlino, è d’accordo. “Dai nostri dati scopriamo che ogni persona che vive in Europa ha da 200 a 300 sostanze chimiche (rilevabili nel sangue o nelle urine) e quindi dobbiamo indagare sull’effetto delle miscele”, ha affermato. “I nostri sistemi consolidati si concentrano su singole sostanze ma sappiamo dagli esperimenti (nella letteratura tossicologica) che mentre una sostanza chimica non può esercitare alcun effetto, se uniamo dieci di tali sostanze chimiche, vediamo un effetto”, ha spiegato la studiosa.

Secondo Kolossa -Gehring, ad esempio, miscele di sostanze chimiche che distruggono il sistema endocrino possono influenzare lo sviluppo sessuale e neurologico dei feti, ridurre la risposta del sistema immunitario dopo la vaccinazione e negli adulti possono essere un fattore di sindrome metabolica, che comprende obesità, ipertensione e diabete.


Hai un account google? clicca su:


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog