Magazine Cucina

Pesto al mortaio: il campionato mondiale per un’eccellenza italiana

Da Oryblog


A marzo si celebra un’eccellenza italiana a Genova, con la sfida del 7° campionato mondiale del pesto al mortaio. 

100 concorrenti provenienti da tutto il mondo sono pronti a sfidarsi in cucina a colpi di pestello per il Campionato Mondiale di Pesto, che si svolgerà il 18 marzo 2018.
L’obiettivo è di realizzare il miglior pesto genovese, seguendo la tradizione e usando ingredienti autentici e genuini. La sfida è aperta a tutti; non parteciperanno solo professionisti, ma anche curiosi di cucina che hanno superato le prove eliminatorie.

Il pesto è una ricetta che ben rappresenta la tradizione italiana, che passa da nonno a nipote. Un’eccellenza storica, di cultura alimentare e stile di vita, che ritroviamo a tavola e che tanto piace ai turisti.  Il Campionato Mondiale del Pesto è nato nel 2007 con l’Associazione Culturale Palatifini, per coinvolgere le nuove generazioni e per rilanciare l’immagine del territorio. Per questi motivi è stata presentata la domanda per far si che il pesto al mortaio alla genovese diventi parte dell’Unesco, come best practice di bene culturale immateriale dell’umanità. Come fare il pesto al mortaio in casa.

Come fare il pesto al mortaio in casa. Foto di Artur Rutkowski, Unsplash.

Come fare il pesto in casa? Ecco la ricetta del pesto genovese al mortaio!

Gli ingredienti per il pesto al mortaio:
4 mazzi Basilico
30 g. Pinoli
45-60 g. Parmigiano Reggiano grattugiato
20-40 g. Pecorino Sardo grattugiato
1-2 Spicchi d’Aglio
3 g. Sale Marino Grosso
60-80 cc. Olio Extra Vergine di Oliva

Per preparare il pesto come vuole la tradizione genovese è necessario il mortaio di marmo e pestello di legno.
Per prima cosa si lavano le foglie di basilico, lasciandole asciugare su di un canovaccio. Intanto nel mortaio si pesta uno spicchio d’aglio insieme ai pinoli riducendoli in crema. Si aggiunge poi il sale e le foglie di basilico, pestandoli con un movimento rotatorio sulle pareti e ottenendo un liquido verde. A questo punto si aggiungono i formaggi e un filo d’olio.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog