Magazine Cultura

Piccola posta, Ceccardi, Pea, Tobino, Viani e la cultura popolare dimenticata (Fabio Piccione)

Da Paolorossi

Piccola posta, Ceccardi, Pea, Tobino, Viani e la cultura popolare dimenticata (Fabio Piccione)I Comuni delle Apuane, oggi, non sono una comunità e probabilmente non lo saranno mai.
Avrebbero potuto esserlo, almeno culturalmente. Ci aveva provato Ceccardi con la sua Repubblica d’Apua. Si sarebbe potuto costruire un dopoguerra comune, per sorti e identità. Invece gli interessi sono stati e sono altri. Il fango di una politica attenta solo a fare cassa e svogliata nei confronti della cultura, specie quella popolare, ha contribuito a quello sfaldamento di memorie collettiva.
Della memoria popolare non se ne parla e non interessa a nessuno, se non a un gruppo di studiosi solitari.
Ceccardi, Pea, Tobino e Viani, sono stati il ponte di collegamento tra quella cultura, arcaica, magica e crudele forse, e la contemporaneità. I loro scritti valgono di più, almeno qui, che gli Ungaretti, i Montale, i Carducci, i D’Annunzio e i Pascoli, spesso loro amici e maestri. L’utopia della Repubblica d’Apua di Ceccardi, l’ideale di un cenacolo di intellettuali invischiati nel popolaresco, era fallita già prima della guerra. E non resta più nulla. Da Carrara a Viareggio, dal mare ai monti, le librerie stanno chiudendo. Ogni anno, una dopo l’altra. Ceccardi, Pea, Tobino, Viani non li trovi in quelle rimaste. Neppure al Caffé Margherita narrato da Tobino, sulla passeggiata a Viareggio, stuprato da una nota libreria. E a nessuno importa. Basta forse una targa. Un piccolo concorso. Basta bofonchiare i loro nomi di tanto in tanto. Poi? Quanti a Seravezza hanno letto “Moscardino” di Pea? Quanti a Viareggio “Sulla spiaggia e di là dal molo?” di Tobino?
I Comuni dovrebbero occuparsi di questo problema. Far ristampare i loro libri, organizzare incentivi per la diffusione delle loro opere. Qualche fondazione, come quella di Tobino, opera bene, ma è necessario introdurre delle misure che accrescano l’interesse per la cultura popolare e per questi autori in particolar modo.
La cultura popolare fa paura, certo. Era sconcia, spesso anticlericale o politicizzata verso la lotta.
Ceccardi lo vogliono ancora un anarchico. Viani prima anarchico poi fascista, Pea troppo crudo per la morale, Tobino un letterato impuro. Ma che colpa hanno? Hanno solo raccontato la vita degli apuani nei loro anni. La rivoluzione di Viareggio, la rivolta degli operai a Carrara, la miseria e l’amore dei piccoli villaggi, non certo i fronzoli d’annunziani scritti alla Versiliana.
Paradossalmente solo Mario Monicelli, amico di Tobino, e Giorgio Panariello, che ha vissuto vicino a Forte dei Marmi, hanno fatto conoscere un po’ di lontana eco delle Apuane e di questi autori. (Monicelli trae il suo ultimo film “Le rose del deserto” da “Il deserto della Libia” di Tobino). Ma il punto non è far conoscere Il passato del mondo apuano in Italia è farlo conoscere agli apuani.

(tratto da www.apuan.it)
43.851626 10.271230

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Mario Tobino, Il carcere di Medusa

    Mario Tobino, carcere Medusa

    Viareggio – Torre Matilde – Foto Archivio e Centro Documentario Storico di ViareggioViareggio – Torre Matilde – Foto tratta da Nuova Viareggio Ieri N. Leggere il seguito

    Da  Paolorossi
    CULTURA, RACCONTI
  • Rolando Viani, La Capannina

    Rolando Viani, Capannina

    Viareggio – Orologio della Fiat in Passeggiata – Foto tratta da Nuova Viareggio Ieri N.15 febbraio 1995La Capannina era la boîte de nuit di Viareggio. Leggere il seguito

    Da  Paolorossi
    CULTURA, RACCONTI
  • Rolando Viani, Il lavoro ai reticolati

    Rolando Viani, lavoro reticolati

    Viareggio – La «Vietta»Quella mattina uscimmo dal portone tutti e quattro infagottati, con le borse di paglia dov’erano le scatole di alluminio avvitate piene d... Leggere il seguito

    Da  Paolorossi
    CULTURA, RACCONTI
  • Rolando Viani

    Rolando Viani

    Viareggio estate 1939 – Foto tratta da Nuova Viareggio Ieri N.8 – agosto 1993Ma bastava una giornata di sole, di febbraio: ci si metteva un maglione, subito; e... Leggere il seguito

    Da  Paolorossi
    CULTURA, RACCONTI
  • Enrico Pea, Lucca

    Enrico Pea, Lucca

    Lucca – Torre Guinigi – Foto tratta da Versilia giovinezza del mondo – Pacini Fazzi 1982Lucca è dentro le mura. […] I lucchesi sembrano orgogliosi di quella... Leggere il seguito

    Da  Paolorossi
    CULTURA, RACCONTI
  • Enrico Pea, Forte dei Marmi

    Enrico Pea, Forte Marmi

    Forte dei Marmi – Foto tratta da Versilia giovinezza del mondo – Pacini Fazzi Ed. 1982La parrocchia di Forte dei Marmi allora non era un gran che. Leggere il seguito

    Da  Paolorossi
    CULTURA, RACCONTI
  • Enrico Pea, Solaio – Prima parte

    Enrico Pea, Solaio Prima parte

    Il gruppo del Monte AltissimoIn cima al monte, contrafforte del nostro colle, quasi a cavallo del versante di là, c’è una Maestà, rivolta alle Alpi. Di lassù... Leggere il seguito

    Da  Paolorossi
    CULTURA, RACCONTI