Magazine Cultura

Pillole di Danza

Creato il 04 febbraio 2017 da Musicamore @AAtzori
Pillole di Danzaa cura di Roberto Magnabosco

Le radici del Balletto classico risalgono a più di 500 anni fa.
Iniziò alle corti dei nobili italiani e presto si diffuse alle corti Francesi. I ballerini danzavamo, cantavano e recitavano poesie per intrattenere gli ospiti alle feste.
Il primo vero balletto, che riuniva mimo, danza e musica in uno spettacolo, fu il " Ballet Comique de la Reyne", rappresentato nel 1581 presso la Corte francese.

Luigi XIV di Francia fondò la prima scuola di balletto, detta " Reale Accademia di Danza", nel 1661. Un maestro di ballo dell'Accademia, di nome Beauchamps, stabilì 5 posizioni dei piedi, su cui ancora si basano tutti i passi del Balletto.
Altri passi vennero dalle danze popolari del periodo elisabettiano. Altri ancora, più acrobatici, si svilupparono dalle buffonerie dei saltimbanchi e dal teatro italiano, chiamato " La Commedia dell'Arte."

Nei primi balletti gli uomini interpretavano i ruoli femminili travestendosi con maschere e parrucche.
Dopo il 1861 venne permesso anche alle donne di danzare in pubblico, ma con pesanti costumi che rendevano difficili i movimenti.
Movimenti spettacolari dei piedi furono introdotti dopo il 1720 da " Marie Camargo ", la prima ballerina che accorciò il vestito sopra le caviglie.

Ma che cosa è il balletto?

È un modo di raccontare una storia usando la musica e la danza invece delle parole. Consiste in modelli di movimento che si sono sviluppati nei secoli. La parola " Classico" descrive il suo stile. I ballerini che danzano su un palcoscenico sono molto ricchi di tecnica e super allenati, ma molte persone imparano le tecniche di balletto per rilassarsi, divertirsi e condividere a livello "amatoriale" questa bellissima Arte ( e non sport ).
La Danza è ... Cultura!

Roberto Magnabosco insegnante di danza presso Centro Coreografico Arabesque

Pillole di Danza
Fine prima parte

Tag: centro coreografico arabesque, insegnante di danza, lezioni, Roberto Magnabosco


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :