Magazine Informazione regionale

Polizia Municipale di Roma Capitale: sfatiamo o confermiamo il mito. Potrebbe essere semplice, con gli #opendata

Creato il 01 dicembre 2013 da Romafaschifo
Tutto è cominciato un giorno in cui ho camminato a fianco di due vigili con blocchetto delle multe in mano in una strada piena di macchine in doppia fila. Dopo 500 metri e 50 potenziali multe avevano fatto spostare un solo veicolo e comminato zero multe.Allora ho pensato a quello che si dice di loro: Non hanno voglia di lavorare, cappuccino addicted, frequentatori di bar, rintanati in ufficio o nei gabbiotti, forti coi deboli e deboli coi forti. Ho dimenticato qualcosa sui miti che accompagnano i "pizzardoni" romani?Ma… sono miti o la verità? È proprio vero che l’attività di repressione e contrasto è blanda? O sono invece un corpo di indomiti sceriffi, degli "azzannacaviglie" al violatore del codice della strada, dei repressori delle violazioni delle ordinanze comunali?Ah, se ci fosse un modo per verificarlo…Già, per verificare se e come viene contrastata la doppia fila (o tripla) in via Albalonga dove è prassi lasciar la macchina in mezzo la strada per comprarsi un dolce.O a San Lorenzo, o Trastevere, territori della sosta selvaggia ai fini del "divertimento". O a San Giovanni, zona dello smercio della merce rubata.Vi siete mai chiesti se le fanno le multe per la sosta su strisce pedonali a Roma, visto che non c'è una sola strada dove sia possibile traversare civilmente (e poveri anziani, disabili e mamme - o babbi - col passeggino!)? E la sosta in doppia fila accanto ai cassonetti dell’immondizia ("aoooh, mettete ar cassonetto si nun trovi posto così nun chiudi nisuno")? E l’occupazione del suolo pubblico del carrozziere o del fruttivendolo? E i carroattrezzi sono utilizzati? E le ganasce? E a quelli che bloccano l’intera rete tranviaria parcheggiando sulle rotaie viene contestata l’interruzione del servizio pubblico?Ed ancora: ma quante multe fa in media un vigile? E quale è il municipio più attivo? E quello più tollerante contro prepotenze e illegalità? E a quanto ammontano le multe? E in che percentuale sono poi incassate?Ah, saperlo…Beh un modo ci sarebbe a dire il vero…Si chiama #OpenData, ovvero mettere a disposizione di tutti “Tutte le informazione create, raccolte o gestite da parte di un Ente pubblico” ed il comune di Roma un anno fa ha pensato bene di pubblicarne tanti dati http://dati.comune.roma.it/, ma non quelli delle contravvenzioni, strano eh.Perché non lo chiediamo?Via mail a: [email protected][email protected]Via twitter: @romacapitaleTW, @ignaziomarino

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :