Magazine Informazione regionale

Pompei nel mirino, truffe al call center: arrivano “Le Iene”

Creato il 30 aprile 2018 da Vivicentro @vivicentro
Pompei nel mirino: truffe al call center scoperte da “Le Iene”

Sotto inchiesta un noto call center di Pompei, ad indagare sono state “Le Iene” d’Italia 1 in un servizio mandato in onda ieri sera.

Sono stati due ex dipendenti a svelare come il call center lavorasse in modo disonesto, proponendo ai potenziali clienti contratti vantaggiosi quando in realtà non lo erano.

Offrivano tariffe telefoniche a prezzi competitivi e la convenienza era nell’avere il modem gratuitamente. Questo garantivano, ma la verità era un’altra: l’apparecchiatura costava 5 euro al mese, per 48 rate. E se qualcuno avesse scoperto la truffa e avesse voluto disdire il contratto? Avrebbe dovuto pagare una mora di oltre 200 euro.

I due dipendenti che hanno denunciato il tutto hanno dichiarato senza peli sulla lingua: “Dovevamo raccontare balle per telefono per vendere qualche contratto”, “Insomma ci costringevano a truffare le persone”.

Proponevano il modem gratuito, poi nel momento della registrazione del contratto leggevano il documento in modo così veloce da confondere il cliente.

Stefano Agresti, l’inviato delle Iene, è andato a Pompei, nella sede del call center ma non è riuscito ad avere tutte le spiegazioni richieste. Le responsabili, infatti, sono state evasive e sfuggenti.

Vista la situazione il giornalista ha consigliato cautela quando arrivano telefonate di questo genere e di ascoltare bene ogni singola parola che si registra al momento dell’accettazione del contratto.

TUTTI I DIRITTI RISERVATI. Si diffida da qualsiasi riproduzione o utilizzo, parziale o totale, del presente contenuto.
E’ possibile richiedere autorizzazione scritta alla Redazione di VIVICENTRO..
L’autorizzazione prevede comunque la citazione della fonte con l’inserimento del link del presente articolo Pompei nel mirino, truffe al call center: arrivano “Le Iene”


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog