Magazine Società

Possibili nuove fonti di energia, in Italia poi…

Creato il 02 febbraio 2011 da Chit @chit67

Tempi duri questi per gli amministratori e le amministrazioni locali e non solo in Italia, per i tagli un po’ Tremonti-style (ovvero a mannaia) che un po’ tutte le amministrazioni centrali dei vari Stati hanno fatto.

Possibili nuove fonti di energia, in Italia poi…
E così, gli amministratori locali si sono visti obbligati ad ingegnarsi per riuscire a tirare avanti, con idee e pensate magari originali come quella presa dal consiglio comunale della cittadina inglese di Reddicht,  che per riscaldare la piscina comunale ha pensato di unire l’utile al dilettevole. L’utilità è rappresentata dal calore prodotto dal forno crematorio che, nelle idee di chi ha proposto il progetto, poteva essere condotto verso la vicina piscina comunale, procedendo al riscaldamento della stessa con un risparmio di 14.000 sterline. Inevitabili le proteste dell’opposizione (evidentemente tutto il mondo è Paese) che ha bollato come “insultante e insensibile” la proposta, mentre i sostenitori dell’iniziativa hanno voluto evidenziare la riduzione di emissioni di anidride carbonica.

Giusto? Sbagliato? Ognuno di noi può farsi la propria opinione anche se mi vien da pensare che in Italia sarà estremamente difficile che una simile iniziativa venga mai presa in considerazione, per tutta una serie di  motivi che posso provare a ricondurre alla geografia ed alla “vicinanza” dello Santa Sede al nostro Paese e per il fatto che trattasi di iniziativa palesemente ecologica e tolte al massimo le ‘domeniche a piedi’ il nostro Paese non è pronto a produrre energia senza che girino cricche e mazzette (anche se la mazzetta potrebbero sempre darla ai parenti dei defunti).

Confesso, non mi sono perso in elucubrazioni o riflessioni prolungate ma, a sensazione, mi verrebbe da dire che non avrei nessun problema ad appoggiare l’iniziativa. Non vi va bene come fonte energetica il calore del forno per una questione etica o altro? Ok, non la penso così ma sono democratico e rispetto le eventuali remore e le eccezioni di ognuno di voi e, per unire l’utile al dilettevole, propongo invece di bruciare la marea di pagine di telefonate, sms, intercettazioni e quant’altro, di quest’ultima inchiesta e pure di quelle riguardanti la cricca, la D’Addario, la casa di Montecarlo e se me ne sono dimenticato qualcuno aggiungetelo pure voi.

Prenderemmo anche qui due piccioni con una fava: a botte di 350-400-600 pagine a volta credo potremmo tranquillamente coprire il fabbisogno energetico delle piscine italiane (che invece si trovano sempre più in stato di abbandono ed incuria) per le prossime generazioni e i media comincerebbero a dover scrivere di accadimenti che possano anche solo minimamente interessare i cittadini.

O mi volete fare credere che c’è ancora qualcuno di noi contribuenti ed elettori a cui interessa sapere se c’era o non c’era questa o quella bottanazza di turno o quanto hanno ricevuto come ‘compenso’ per la loro presenza ( rigorosamente innocente e casta), le presenti. Si perchè quella “battuta” del Presidente del Consiglio sarà anche stata tale (nelle intenzioni della sua mente palesemente instabile) ma ora che ci penso, morire se ho mai sentito il nome di un maschietto (e non venite a farmi i nomi di Lele Mora e Emilio Fede) tra gli intercettati ed i beneficiari dei bonifici, strano vero?

Vabbè, se è per questo adesso che ci penso bene ho sentito parlare tante volte di ‘prestazioni’ eppure mai di Ritenute d’acconto…


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazine