Magazine Salute e Benessere

Problemi di sonno: evitare i 12+1 errori più comuni

Creato il 18 ottobre 2019 da Slowsleep

Capita spesso di non riuscire a risolvere una situazione perché tutto ciò che si fa, magari in buona fede, finisce per peggiorare il quadro. Ecco quindi che l’ennesimo caffè preso per svegliarsi perché si soffre di insonnia non fa altro che perpetrare la situazione e indurre una nuova notte a occhi sbarrati…

Quella del sonno è un’alchimia delicata fra abitudini, stile di vita, stimoli esterni e bisogno psicofisico. Vediamo quali sono gli errori più comuni che possono minare la qualità (e la quantità) del riposo.

Alimentazione: cosa evitare alla sera

1. alcol: le bevande alcoliche “stordiscono” e inducono sonnolenza ma il sonno viene alterato e non è riposante
2. eccitanti: se è comprensibile la necessità di astenersi dalle bevande iperstimolanti, anche caffè e the alla sera possono influire sul sonno, aumentando il ritmo cardiaco
3. quantità: troppo cibo richiede al processo digestivo un grosso lavoro perché l’organismo deve trasformare e digerire ciò che si è mangiato; questo può indurre stati di malessere.

Sport: quando, cosa e quanto

4. sport agonistico: se si vuol dormire bene è buona norma non intraprendere sport agonistici che si praticano alla sera; le tossine, la stanchezza, l’acido lattico e l’eccitazione post match possono tenere svegli fino alle prime ore del mattino
5. sport di contatto: boxe, kick boxing, lotta e discipline “marziali” possono lasciare strascichi sotto forma di dolori, ematomi o escoriazioni che inficiano il buon riposo
6. nuoto: purché non si tratti di una pratica esasperata, il nuoto è lo sport più indicato nelle ore serali perché aiuta il relax psicofisico, stimola tutto il corpo e con l’immersione in acqua induce uno stato di calma che perdura a lungo anche dopo la prestazione.

Stanza da letto: cosa mettere fuori (e dentro)

7. colori: una camera con colori fluo, “sparati”, o piena di contrasti cromatici non favorisce il relax, stesso dicasi per pareti dai colori tenui ma con vernici tossiche;  è bene prediligere cromìe non “aggressive” e vernici naturali
8. elettronica: radio, tv, computer e cellulari non solo producono elettrosmog ma “legano” la mente alla vigilanza diurna (in particolare lo smartphone) impedendo il necessario distacco dalle cose, indispensabile per farsi abbracciare dal sonno
9. temperatura: una camera troppo calda e priva di aria fresca è nemica del dormire; è bene che nella stanza da letto ci sia una temperatura leggermente inferiore rispetto ai gradi presenti nelle altre stanze e che l’aria sia “cambiata” poco prima di entrare sotto le coperte.

Abbigliamento: cosa sì e cosa no

10. pigiama: stoffe sintetiche o inserti eccessivamente rigidi impediscono un relax completo del corpo, sia perché la traspirazione non è sufficiente, sia perché il corpo stesso è costretto ad assumere posizioni compensative e innaturali
11. intimo: calzini, mutande e reggiseni che “stringono” troppo sono nemici della buona circolazione, meglio un intimo “largheggiante” o una scelta totally naked
12. gioielli: anelli bracciali ma anche orologi sono da lasciare sul comodino perché il sistema circolatorio e linfatico (alla stregua di quanto detto per l’abbigliamento intimo) possono risentirne.

Materasso

12+1. materasso:  scegliere un materasso che non sia Magniflex, beh… è il più grande errore che si possa fare 😉


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog