Magazine Tecnologia

Programmi free per catturare immagini schermo pc

Creato il 08 giugno 2019 da Andy04 @stilegamesnews
Programmi free per catturare immagini schermo pc

I programmi free per catturare immagini schermo pc sono molto utilizzati. Servono per fare degli screenshot, parola nata grazie alla funzione presente sui cellulari, che permette di fare una “fotografia interna”, cioè di fotografare la schermata che si ha davanti in quel momento.

Con questi programmi, si potrà fare uno screenshot direttamente sul pc. Utilizzarli e scaricarli non è difficile e non servono neanche grandi capacità informatiche per riuscirvi. Tra i più comuni vi sono FastStone Capture, Greenshot, SnapCrab, Skitch. Alcuni sono per Windows e altri per Mac.

Programmi free per catturare immagini schermo: i più comuni

Tra i migliori programmi free per catturare immagini schermo pc c’è FastStone Capture, che una volta scaricato si presenta come una piccola barra degli strumenti da posizionare in qualsiasi punto della schermata del computer, in modo da poter essere utilizzato quando si vuole. Questo programma è disponibile solo per i sistemi Windows e anche se molte sue versioni sono a pagamento, la 5.3 è ancora gratuita.

Un altro molto famoso è Greenshot, che permette anche di salvare le immagini con diversi formati ed è sempre per Windows. A differenza del primo, è gratuita ogni sua versione.

Programmi free per catturare immagini schermo: altri tipi

Altri programmi free per catturare immagini sono SnapCrab e anche Skitch. Il primo è un software che permette di fare screenshot non solo su singole parti ma anche sull’intera schermata del desktop. È compatibile solo con Windows, a differenza di Skitch. Questo viene considerato come un’applicazione anziché un vero software, ma è altrettanto efficiente come gli altri.

Questi descritti sono i programmi più famosi, anche se ne esistono altri meno conosciuti ma altrettanto utili come Shotty. Molto comuni sono i software gratuiti per Windows, mentre la maggior parte di quelli per Mac sono a pagamento.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazine