Magazine Sport

PSG, senza trofei Emery rischia: Antonio Conte in pole per sostituirlo

Creato il 27 ottobre 2017 da Agentianonimi
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Dopo il faraonico mercato condotto in estate le aspettative all’ombra della Tour Eiffel sono alle stelle. I 400 milioni e rotti investiti per la coppia Neymar-Mbappé richiedono necessariamente un ritorno a livello di titoli e prestigio. Per questa ragione, se Unai Emery non dovesse condurre il PSG ai risultati auspicati, la sua panchina potrebbe saltare in vista della nuova stagione.

Le alternative per la panchina: Conte in pole

I nomi che si spendono in questo periodo sono sempre gli stessi o quasi. Ad oggi i più seri candidati nell’ipotesi di esonero dell’ex Siviglia sarebbero Diego Simeone e Antonio Conte. La dirigenza del club sta già monitorando entrambi. Per i parigini, un allenatore di fama internazionale sarebbe l’ultimo tassello del puzzle per compiere il salto di qualità. Ma attenzione: se quelle che riguardano il tecnico dell’Atletico Madrid ad oggi non sono altro che illazioni, la pista che porta al leccese è ben più concreta.

Il rapporto di Conte con Abramovich non è mai stato idilliaco fin da principio. In estate i rumors che lo volevano all’Inter si erano fatti sempre più insistenti, salvo poi non concretizzarsi. Se qualcuno aveva pensato all’inizio di un nuovo cursus ai Blues caratterizzato da rinnovata fiducia, però, si è presto dovuto ricredere: ad oggi le quotazioni dell’allenatore italiano in quel di Londra sono ai minimi storici e che questa sarà la sua ultima stagione alla guida del Chelsea sembra ormai un dato di fatto.

Se a tutto ciò si aggiunge che la moglie di Conte vedrebbe di buon occhio un trasferimento a Parigi e starebbe spingendo il marito in questa direzione, difficile pensare che Emery possa dormire sonni sereni di qui a fine stagione…

A cura di Marco Ivaldi

Facebook
twitter
google_plus
linkedin
mail

L'articolo PSG, senza trofei Emery rischia: Antonio Conte in pole per sostituirlo proviene da Agenti Anonimi.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :