Magazine Per Lei

Qual è la relazione tra stress e infertilità?

Creato il 17 agosto 2019 da Belloweb @belloweb2

Qual è la relazione tra stress e infertilità?

crisi-di-coppia-infertilita

" data-orig-size="1024,500" data-image-title="crisi-di-coppia-infertilita" class="aligncenter size-full wp-image-1713 jetpack-lazy-image" data-orig-file="https://i2.wp.com/www.curaerimedi.it/wp-content/uploads/2019/08/crisi-di-coppia-infertilita.jpg?fit=1024%2C500&ssl;=1" data-recalc-dims="1" width="900" alt="crisi-di-coppia-infertilita" data-medium-file="https://i2.wp.com/www.curaerimedi.it/wp-content/uploads/2019/08/crisi-di-coppia-infertilita.jpg?fit=300%2C146&ssl;=1" data-permalink="https://www.curaerimedi.it/ansia-e-stress/qual-e-la-relazione-tra-stress-e-infertilita/attachment/crisi-di-coppia-infertilita/" data-image-meta="{"aperture":"0","credit":"","camera":"","caption":"","created_timestamp":"0","copyright":"","focal_length":"0","iso":"0","shutter_speed":"0","title":"","orientation":"0"}" data-lazy-srcset="https://i2.wp.com/www.curaerimedi.it/wp-content/uploads/2019/08/crisi-di-coppia-infertilita.jpg?w=1024&ssl;=1 1024w, https://i2.wp.com/www.curaerimedi.it/wp-content/uploads/2019/08/crisi-di-coppia-infertilita.jpg?resize=300%2C146&ssl;=1 300w, https://i2.wp.com/www.curaerimedi.it/wp-content/uploads/2019/08/crisi-di-coppia-infertilita.jpg?resize=768%2C375&ssl;=1 768w" height="439" srcset="data:image/gif;base64,R0lGODlhAQABAIAAAAAAAP///yH5BAEAAAAALAAAAAABAAEAAAIBRAA7" data-lazy-sizes="(max-width: 900px) 100vw, 900px" data-large-file="https://i2.wp.com/www.curaerimedi.it/wp-content/uploads/2019/08/crisi-di-coppia-infertilita.jpg?fit=900%2C439&ssl;=1" data-lazy-src="https://i2.wp.com/www.curaerimedi.it/wp-content/uploads/2019/08/crisi-di-coppia-infertilita.jpg?resize=900%2C439&is-pending-load;=1#038;ssl=1" />
crisi-di-coppia-infertilita

“Tra il 25% e il 65% dei pazienti che eseguono trattamenti di Riproduzione Assistita hanno un po ‘di stress, insieme ad altri sintomi psicologici come ansia, depressione, disperazione, senso di colpa e scarsa autostima, tra gli altri. Nelle coppie che non possono concepire, lo stress è paragonabile a quelle che si trovano in pazienti con cancro e HIV. ”

In questo modo, lo stress diventa la causa più comune per i pazienti di abbandonare i trattamenti. A loro volta, problemi economici o mancanza di assicurazione medica sono un altro motivo per cui i pazienti decidono di non andare avanti. D’altra parte, legati allo stress e al carico emotivo che hanno i trattamenti di riproduzione assistita, compaiono problemi coniugali che spesso sfociano nell’abbandono della ricerca della gravidanza.

Attraverso diversi tipi di trattamenti, i pazienti possono sviluppare squilibri emotivi. Pertanto, è essenziale svolgere attività che aiutano a ridurre il livello di stress come: yoga, meditazione, agopuntura o persino attività fisica per eliminare la tensione corporea e emotiva. Inoltre, è importante sapere come accompagnare e rispettare il processo individuale poiché entrambi i membri della coppia assimileranno la situazione in modo diverso anche se si trovano ad affrontare un progetto comune. È essenziale cercare attività ricreative che le uniscano al di là di ciò che è il trattamento della fertilità. Mentre il momento che stanno vivendo è importante, i momenti di svago o di dispersione sono ugualmente importanti.
Gli squilibri emotivi sono associati a situazioni vissute dal paziente come:

  • Incertezza e ambiguità sul fatto che raggiungeranno il loro obiettivo di vita
  • Necessità permanente di prendere decisioni senza sapere cosa accadrà
  • Cambiamenti nella routine quotidiana e nei piani di vita
  • Mancanza di controllo sul risultato da parte dell’équipe medica e della coppia

“È stato dimostrato che esiste una relazione bidirezionale tra fattori psicologici e infertilità, che può verificarsi simultaneamente o no. Sfortunatamente, alcuni pazienti si tuffano in una crisi della vita che può diventare cronica. È dovuto al desiderio insoddisfatto di un progetto di vita. Maggiore è il numero di cicli che attraversano senza raggiungere la gravidanza, maggiore è il livello di stress. Se questa situazione persiste, lo stress a lungo termine può promuovere cambiamenti in più sistemi ormonali e neurobiologici. Persino gli ormoni dello stress e l’asse HPA (ipotalamo-ipofisi-surrene) interagiscono con gli ormoni che influenzano la fertilità, come la prolattina “.

Il ruolo della famiglia e degli amici di fronte allo stress del paziente

L’ambiente, sia esso lo stretto gruppo familiare o gli amici, influenza i pazienti poiché sono loro che di solito soffrono della nota “pressione sociale”. Domande come Quando pensate ad un bambino? Cosa stai aspettando? Quando diventerò nonna? , sono domande molto comuni in occasione di uscite di gruppo tra famiglia e amici. Nelle cliniche di riproduzione assistita, si vede quante volte le coppie hanno difficoltà a condividere con i propri cari, dal momento che notano una scarsa comprensione della difficoltà che stanno vivendo.

È importante che i pazienti cerchino supporto dalle persone vicine a loro e possano “dare loro una mappa” di ciò che stanno vivendo, purché gli altri possano capire che è un’esperienza intima di loro. L’accento dovrebbe essere posto sul viverlo con intimità come qualsiasi problema che affligge una coppia.

Essere emotivamente forti è un fattore importante per il successo dei trattamenti di riproduzione assistita. 


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog