Magazine Salute e Benessere

Quali sono le più diffuse malattie sessualmente trasmissibili?

Creato il 19 luglio 2017 da Abcsalute @ABCsalute
Malattie sessualmente trasmissibili
Malattie sessualmente trasmissibili
Scarso
Accettabile
Discreto
Buono
Ottimo
vota

Pubblichiamo un articolo a cura dell’andrologo e urologo Dott. Andrea Militello in merito alle malattie sessualmente trasmissibili (MST).

Le malattie sessualmente trasmissibili (MST) sono rappresentate da un vasto gruppo di malattie di natura infettiva diffuse a livello globale e spesso responsabili di sintomi più o meno acuti o cronicizzati su milioni di persone al mondo ogni anno, il che  comporta la necessità di ingenti spese sanitarie.

Nella vecchia clinica erano individuate come malattie veneree, poi come malattie sessualmente trasmissibili e oggigiorno si definiscono come infezioni sessualmente trasmissibili (IST).

Quali sono le maggiori MTS? Per rispondere a questa domanda, riportiamo un elenco redatto dal Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell’Istituto superiore di sanità.

Oggi riconosciamo oltre 30 diverse specie patogene responsabili di IST che è possibile dividere in 5 gruppi: batteri, virus, protozoi, funghi ed ectoparassiti.

Batteri

  • Neisseria gonorrhoeae (gonorrea o infezione gonococcica).
  • Chlamydia trachomatis (infezioni uro-genitali, anorettali e faringee da clamidia).
  • Chlamydia trachomatis (sierotipi L1, L2, L3) (linfogranuloma venereo).
  • Treponema pallidum (sifilide primaria, secondaria e latente, sifilide neonatale).
  • Haemophilus ducreyi (cancroide o ulcera venerea).
  • Klebsiella (Calymmatobacterium) granulomatis (granuloma inguinale).
  • Gardnerella vaginalis, Mycoplasma hominis, Ureaplasma urealyticum, Streptococco di gruppo B, Stafilococco aureus (infezioni batteriche non gonococciche e non clamidiali).

Virus

  • Virus dell’immunodeficienza umana (infezione da Hiv/Aids).
  • Herpes simplex virus di tipo 2 e di tipo 1 (herpes genitale).
  • Papillomavirus umano (Infezione cervicale, condiloma genitale, cancro della cervice uterina, della vulva, della vagina, dell’ano e del pene).
  • Virus dell’epatite B e C (epatite, cirrosi, epatocarcinoma).
  • Cytomegalovirus (infezioni a carico di cervello, occhio, apparato gastrointestinale).
  • HHV-8 (sarcoma di Kaposi).
  • Pox virus (mollusco contagioso).

Protozoi

  • Trichomonas vaginalis (uretrite e vaginite).

Funghi

  • Candida albicans (vulvovaginite nella donna; balanopostite nell’uomo).

Ectoparassiti

  • Phtirus pubis (pediculosi del pube).
  • Sarcoptes scabiei (scabbia).

Come avviene il contagio da infezioni sessualmente trasmissibili? Le vie di diffusione sono molteplici: attraverso qualsiasi modalità di rapporto sessuale – orale, vaginale, anale – ed eventuale contatto con i liquidi organici potenzialmente infetti come saliva, secrezioni vaginali, sangue, liquido seminale. Ci sono altre modalità di trasmissione non legate al rapporto sessuale, come per esempio il contatto con il sangue attraverso trasfusioni, siringhe, piercing, ecc. o talvolta nel passaggio madre-feto durante la gravidanza, il parto o l’allattamento.

La diffusione vede tipicamente colpire nelle fasi iniziali gruppo di soggetti ad alto rischio e con alta frequenza di rapporti sessuali per diffondersi poi a un gruppo a rischio minore che a sua volta si affaccia alla popolazione generale.

Ci sono sintomi che permettono di riconoscere le malattie sessualmente trasmissibili? Spesso il quadro clinico non è univoco. Sempre prendendo spunto dal Centro nazionale per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute dell’Istituto superiore di sanità, possiamo considerare abbastanza tipici questi segni:

  • Dolore pelvico.
  • Prurito e/o lesioni di qualunque tipo nella regione dei genitali, dell’ano, o della bocca.
  • Necessità di urinare spesso.
  • Dolore o bruciore durante l’emissione dell’urina.
  • Dolore e sanguinamento durante o dopo il rapporto sessuale.
  • Infezioni oculari neonatali (specie congiuntiviti).

Per eseguire una diagnosi è indispensabile rivolgersi allo specialista infettivologo in primis, andrologo, dermatologo, ginecologo che richiederà gli esami ematici per la ricerca dei principali markers delle malattie infettive. Per il paziente maschio, gli esami aggiuntivi spesso richiesti sono: tampone uretrale e spermi coltura per la ricerca di germi comuni, chlamydia, Gonococco, candida. Sulla base dell’antibiogramma sarà poi molto semplice instaurare una terapia mirata.

Come si prevengono le IST? La prevenzione delle Infezioni sessualmente trasmissibili è data da semplici regole comportamentali come quelle diffuse dall’Organizzazione Mondiale della Sanità per il sesso sicuro:

  1. Usare sempre il preservativo durante il rapporto sessuale, specialmente con nuovi partner appena conosciuti.
  2. Avere un basso numero di partner.
  3. Scoprire insieme che il sesso non è solo un atto penetrativo.
  4. Evitare pratiche violente spesso causa di microlesioni.
  5. Usare un lubrificante per i rapporti anali, poiché la mucosa anale non è lubrificata e vi è un maggior rischio di lacerazioni.
  6. Evitare il rapporto sessuale in presenza di ulcerazioni o secrezioni non giustificabili.
  7. Non ingoiare fluidi corporei.
  8. Informare sempre il proprio partner nel caso venga diagnosticata una MST.

Ricordo inoltre che l’uso del web è fondamentale e importantissimo per orientarsi, ma diventa poi obbligatorio confrontarsi con uno specialista il quale ha un’esperienza annuale e quotidiana che gli permette di coniugare l’informazione con l’esperienza e la praticità.

Per ulteriori approfondimenti, contatta il Dott. Andrea Militello.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :