Magazine Curiosità

“Quanti errori e quanti falsi, ma il fenomeno UFO è reale”

Da Extremamente @extremamentex

“Le foto sono un problema e lo sono anche i  video su internet, che ai giorni nostri  sono diventati uno sport nazionale ovunque,  per la gente che vuole divertirsi a creare dei falsi… Ed è piuttosto irritante!” Le immagini sono quelle dei tanti, troppi UFO creati ad arte che ormai popolano  la rete e che complicano la vita dei ricercatori che tentano di comprendere la vera natura  del fenomeno. Proprio come fa Francois Louange, consulente del GEIPAN, che ride a denti stretti pensando alle bufale del web.

L'INGEGNERE FRANCOIS LOUANGE, CONSULENTE DEL GEIPAN

L’INGEGNERE FRANCOIS LOUANGE, CONSULENTE DEL GEIPAN

“Il  Geipan è un dipartimento dell’ Agenzia spaziale francese dedicato alla raccolta di informazioni sugli UFO per cercare di trovare delle risposte- se possibile- rendendole poi disponibili alla comunità scientifica che intende approfondire lo studio”, mi ha spiegato quando l’ho incontrato a San Marino, nel corso dell’ultimo Simposio promosso dal Centro Ufologico Nazionale. Louange, ingegnere nato a Versailles, esperto di informatica, per anni è stato alle dipendenze dell’ESA, l’ente spaziale europeo. Di recente, ha sviluppato Ipaco, un software specializzato nell’analisi fotografica

“Il mio lavoro consiste nel raccogliere dati dalla polizia, dalle autorità e dalle testimonianze delle persone.  Se l’avvistamento  sembra davvero interessante,  si va sul posto ad investigare,  per trovare ulteriori elementi e testimonianze seguendo procedure molto specifiche. L’archivio completo con tutti i nostri casi è messo a disposizione del pubblico tramite un sito online dedicato. Così se emerge  qualcosa di veramente importante, la comunità scientifica può prenderlo in esame per darne una spiegazione. Perchè gli UFO possono coinvolgere ogni settore della conoscenza, dall’analisi fotografica all’analisi del terreno, da quella della vegetazione allo studio dell’essere umano e delle sue credenze, del modo in cui fa testimonianza.”

Nel corso degli ultimi 20 anni, racconta Louange, il GEIPAN ha raccolto migliaia di avvistamenti, per la maggior parte spiegabili. Esiste una catalogazione interna all’ente. Conferma l’ingegnere francese:”Certo,  vengono classificati in quattro categorie: A) perfettamente spiegati; B) probabilmente spiegati; C) la categoria più ampia, con i casi per i quali non ci sono abbastanza informazioni  per dire qualcosa di certo; D) ci sono sufficienti informazioni, ma non c’è spiegazione. Sono pochi, circa il 15% resta nella categoria D. Più o meno il 10 per cento delle segnalazioni proviene da personale dell’aviazione, come i piloti.”

L'UFO DI MCMINNVILLE, ANALIZZATO DA LOUANGE

L’UFO DI MCMINNVILLE, ANALIZZATO DA LOUANGE


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog