Magazine Cucina

Quanti modi di fare e rifare: Rotolo di maiale con verdure saltate

Da Anna
Quanti modi di fare e rifare: Rotolo di maiale con verdure saltateEccoci alla seconda domenica di luglio, che bello ritrovarsi insieme con la nostra cucina aperta anche oggi, ed è ancora più bello con il menù 2019 di "Quanti modi di fare e rifare" con le ricette "made in Japan (Giappone)" e "made in Norway (Norvegia)".Oggi è la volta di due ricette, una giapponese ed una norvegese: (Oba iri butabaraniku roru) Rotolo di maiale con foglie di shiso e (Grønnsaker med sting) verdure saltateQuanti modi di fare e rifare: Rotolo di maiale con verdure saltateNe ho preparato una sola porzione perché in questo periodo sono sola, mio marito è in trasferta di lavoro.Per le verdure saltate ho usato i fagiolini verdi invece degli asparagi, per il resto è pari pari a quello che ci ha proposto la Cuochina (Qui per le due ricette originali)
(Oba iri butabaraniku roru) Rotolo di maiale con foglie di shisoQuanti modi di fare e rifare: Rotolo di maiale con verdure saltatePer 1 porzione abbondante di "Rotolo di maiale"9 fette sottili di pancetta di maiale (150g circa) 6 foglie di shiso  (erba aromatica giapponese)
1 cucchiai di farina
1 cucchiaio di olio di semi
1 cucchiaio di sake
① salsa di soia 2 cucchiai
① mirin 1 cucchiaio
① zucchero 1 cucchiaio
PreparazioneSul tagliere ho accostato, sovrapponendole, 3 fette sottili di pancetta di maiale. Spolverato sopra un po’ di farina, allineato 2 foglie di shiso  e arrotolato. Ho ripetuto questa operazione per tre volte, inserendo dentro il rotolo appena avvolto. Dopo aver completato il rotolo, ho spolverato sopra altra farina.Quanti modi di fare e rifare: Rotolo di maiale con verdure saltateHo versato nella padella l’olio di semi e fatto soffriggere a fuoco medio il rotolo, fatto rosolare bene da tutti i lati, anche i due lati sporgenti, sfumato con sake, messo il coperchio (per far cuocere l'interno) e fatto andare a fuoco debole.Quando l’alcol si è evaporato, ho aggiunto gli ingredienti contrassegnati con ① e continuato a cuocere a fuoco basso sino a quando la salsina si è addensata.
Quanti modi di fare e rifare: Rotolo di maiale con verdure saltateHo diviso il rotolo in 3 pezzi, ho affettato sottilmente una foglia di shiso ed ho unito il tutto al contorno di "Verdure saltate".
Quanti modi di fare e rifare: Rotolo di maiale con verdure saltateQuesti li ho farciti con foglie di basilico e del formaggio filante, per il resto, il procedimento è uguale alla ricetta della Cuochina. Anche in questo modo sono molto buoni! 
(Grønnsaker med sting) verdure saltateQuanti modi di fare e rifare: Rotolo di maiale con verdure saltatePer 1 porzione abbondante di "Verdure saltate"1 mazzetto di fagiolini verdi1/2 cipolla rossa a fettine1/2 peperoncino piccante tagliato a rondelle, senza semi1 cucchiai di olio evo
1 cucchiai di burro salato
100 g spinaci freschiHo spuntato e fatto bollire i fagiolini per alcuni minuti, li ho scolati e fatti soffriggere nel burro e olio per 2-3 minuti. Ho aggiunto la cipolla rossa, gli spinaci ed il peperoncino piccante e fatto insaporire per un minuto.
**************************L'11 agosto 2019 saremo in vacanzaQuanti modi di fare e rifare: Rotolo di maiale con verdure saltateIl prossimo incontro con i "Quanti" sarà per l'8 settembre 2019 alle ore 9:00Quanti modi di fare e rifare: Rotolo di maiale con verdure saltatecon l'ottava ricetta del Menù 2019 "Ricette dal mondo"Quanti modi di fare e rifare: Rotolo di maiale con verdure saltate(Niwatori mune niku to pīman no hiyashi chūka) Ramen freddi con petto di pollo e peperoni verdi(Ricetta giapponese pubblicata il 26-08-2018)
***************************Ricordo che il blog della Cuochina è "Quanti modi di fare e rifare"il suo indirizzo di posta elettronica è: [email protected] gli incontri dei "Quanti modi" avvengono la seconda domenica del mese, alle 9:00Qui per vedere la lista di tutte le ricette dei Menù e che ci si può incontrare su Facebook
Quanti modi di fare e rifare: Rotolo di maiale con verdure saltate
e su TwitterSegui @CuochinaAO
Qui i pdf 2011, 2012, 2013, 2014, 2015, 2016, 2017 e 2018

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog