Magazine Cultura

Quasi Amici: la Poetica Storia di una Strana Coppia

Creato il 25 giugno 2012 da Dietrolequinte @DlqMagazine

Quasi Amici: la Poetica Storia di una Strana Coppia"Sai dove sta un tetraplegico? [...] Dove lo avevi lasciato". Questa battuta potrebbe essere considerata dai perbenisti politicamente scorretta e invece è la chiave di lettura di una pellicola e di un'amicizia raccontata da Olivier Nakache e Eric Toledano nel loro Quasi amici ( Intouchables). Il lungometraggio scritto e diretto dai due francesi, che trae ispirazione da un documentario visto nel 2003, dopo la sua uscita nel 2011 è diventato "senza troppe pretese" un grande successo in Francia e ha strappato il primato a Il quinto elemento nella classifica dei film francesi più visti nel bel paese. La storia racconta dell'improbabile amicizia tra un ricco tetraplegico e un senegalese disoccupato con precedenti penali; tutto questo potrebbe puzzare di cliché, ma basta ricordare che si basa su personaggi esistenti per superare quella sensazione di déjà vu, cancellando ogni pregiudizio e guardando con curiosità a questa "strana coppia". Il tema della disabilità è affrontato con una nuova delicatezza priva di ogni pateticità, priva di quella compassione compassata che una tale condizione suscita o crediamo debba suscitarci. L'essere tetraplegico non è il tema della pellicola ma semplicemente lo sfondo su cui si può disegnare questo rapporto dalle tinte nuove, un po' di "sangue su una tela", per chi non ne comprende l'arte, o un dipinto di inestimabile valore per chi ha l'apertura mentale di capire che non tutto ciò che si discosta dai canoni è sbagliato.

Quasi Amici: la Poetica Storia di una Strana Coppia

Così Driss getta via i guanti bianchi, riuscendo a vedere nel suo datore di lavoro semplicemente Philippe, cosa che sfugge agli sguardi miopi della gente, senza per questo venire meno ai suoi doveri o dimenticando le altrui esigenze. Il lavoro viene svolto dal senegalese con la sensibilità di chi non deve tenere un certo atteggiamento, non deve certe attenzioni perché ha dinnanzi a sé un disabile, ma un uomo con le fragilità mentali di ogni altro e i limiti fisici di pochi. Questo nuovo modo, per il mondo benpensante dell'alta società, di vedere una persona è ben bilanciato nel rapporto tra i due: entrambi infatti riescono ad andare oltre le mere apparenze, cogliendo l'uno la vera essenza dell'altro. Philippe è conscio del passato non limpido del suo nuovo badante e Driss è consapevole della condizione del ricco disabile, ma entrambi superano quelli che ad altri sembrerebbero invalicabili confini alla luce di un'amicizia disarmante. Si può affermare che per una volta in una pellicola cinematografica i "buoni sentimenti" lasciano il posto ai "veri sentimenti", non è il dramma umano a scandire i tempi del lungometraggio ma le battute che nel rispetto della condizione personale smontano pezzo per pezzo quell'impalcatura di pregiudizi e modi stucchevoli che la società tende a costruire intorno ai disabili.

Quasi Amici: la Poetica Storia di una Strana Coppia

La leggerezza con cui vengono pizzicate determinate corde non produce alcuna nota stonata, permettendo invece di vedere e apprezzare film e storia senza sentirsi schiacciati dal dramma e senza per questo sminuirne il valore. L'opera non è pretenziosa, non vuole insegnare o commuovere ma semplicemente raccontare una storia, a volte in modo assolutamente dissacrante. Il risultato sono 113 minuti, assolutamente godibili, di spensierato spessore morale. La sceneggiatura è la vera direttrice d'orchestra del lungometraggio, ed è una prova di stile superata brillantemente dalla coppia, anche alla regia, mentre i protagonisti ci regalano un'interpretazione apprezzabile e apprezzata; Omar Sy infatti vince il premio Lumière e il premio César come migliore attore strappandolo al coprotagonista François Cluzet e soprattutto a Jean Dujardin (che si consola però con un Oscar). La pellicola nel complesso invece, riceve due candidature ai premi Lumière 2012 e nove ai Premi César 2012, una in meno di The Artist.

Quasi Amici: la Poetica Storia di una Strana Coppia

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • PoEtica e Premi

    PoEtica Premi

    Pubblicato da lapoesiaelospirito su febbraio 29, 2012 Premio Nazionale Opera Edita Rosa d’Eventi Isola di Ustica 2012 Organizzato da Associazione culturale “La... Leggere il seguito

    Da  Fabry2010
    CULTURA
  • Quasi Amici - Fly

    Quasi Amici

    Se siete tipi che apprezzano la correttezza politica, allora andate a vedere Quasi amici: si tratta della storia di un'amicizia fra un handicappato ed un negro. Leggere il seguito

    Da  Thetalkingmule
    CINEMA, CULTURA
  • Review: Quasi amici (2011)

    Review: Quasi amici (2011)

    Tratto da una storia vera, Quasi amici racconta la storia di un paralitco e del suo badante che, per l’appunto, diventa un amico: il titolo è errato, perchè... Leggere il seguito

    Da  Kurtelling
    CINEMA, CULTURA
  • Quasi Amici - Intouchables

    Quasi Amici Intouchables

    Eric Toledano Olivier Nakache 2011 Una commedia mediamente leggera e mediamente divertente. Storia di un'amicizia fra due diversamente abili, uno fisico... Leggere il seguito

    Da  Tano61
    CINEMA, CULTURA
  • Primavera poetica a Verona

    Primavera poetica Verona

    Quando ho letto 21 marzo ho detto: nooooooooooooooooo!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Turno di lavoro in ospedale il pomeriggio, e questa splendida manifestazione veronese s... Leggere il seguito

    Da  Marcodallavalle
    CULTURA, LIBRI
  • Quasi amici

    Quasi amici

    Regia: Olivier Nakache, Eric ToledanoOrigine: FranciaAnno: 2011Durata: 112'La trama (con parole mie): Philippe è un milionario parigino tetraplegico alla... Leggere il seguito

    Da  Misterjamesford
    CINEMA, CULTURA
  • quasi amici… se paghi, ovviamente.

    quasi amici… paghi, ovviamente.

    vabbè, il titolo è fin troppo provocatorio ma in fondo è la verità. fare un film sull’ handicap e sperare d’ incassare al botteghino e nello stesso tempo non... Leggere il seguito

    Da  Papibulldozer
    CULTURA