Magazine Cucina

Queen Elisabeth, un classico cocktail Martini con qualcosa in più

Da Jo
Queen Elisabeth, un classico cocktail Martini con qualcosa in piùInizio l'anno con le ricette domenicali a base di cocktail. Sono ancora in attesa del nuovo forno e durante questo lungo periodo di incontri conviviali abbiamo consumato, per lo più, pandori e panettoni. Quindi zero ricette nuove ma in compenso tanti aperitivi occasionali al posto di un pranzo vero e proprio.
Con la scusa che le nuove coppe sono grandi e più capienti delle solite, il consorte ha aumentato la dose preparando un cocktail quasi per due. Scherzo, le dosi sono sì per un mix abbondante, ma sempre per uno.
Avete presente certe scene di film americani anni '50 dove il marito torna dopo il lavoro nella sua casa dei sobborghi -di New York, per esempio- dopo un'oretta di treno rigorosamente preso a Grand Central e la moglie tutta agghindata in abito da pomeriggio gli serve un cocktail in dosi da cavallo? Ecco, questi bicchieri sono come quelli. Enormi! Ma appunto per questo bellissimi.
Non ho saputo resistere e li ho acquistati da regalare al mio bartender di famiglia assieme a due nuovi libri, uno tutto sui cocktail Martini e l'altro sui Bitters. Era felice come un bambino che ha spacchettato giochi su giochi.
Quello che differenzia il Queen Elisabeth dal classico Martini cocktail è l'aggiunta del Benedictine, famosissimo liquore d'abbazia francese. Se non trovate il Benedictine potete provare con la Strega o una Chartreuse.
Ho scoperto che in pratica ogni mixologist fa il suo, con o senza Benedictine, con succo di limone ecc. Non è classificato IBA, per cui le ricette sono ondivaghe. È stato inventato subito dopo il proibizionismo da un bartender di Philadelfia che lo dedicò alla moglie, non come si potrebbe pensare alla regina Elisabetta d'Inghilterra.
Vario è anche il procedimento: shakerato, mixato... dipende dal barman.
Il tutto è gradevolmente morbido ma senza eccessi.
Le dosi sono per uno.
-ricetta-
90 ml London dry gin
30 ml Vermouth dry
10 ml Benedictine
scorzetta di agrumi
ghiaccio
Mio marito mette due cubetti di ghiaccio nella coppa per raffreddarla, mentre prepara la mistura.
Versa nello shaker tutti gli ingredienti assieme a 4/5 cubetti di ghiaccio. Mescola con vigore per 30".
Passa un po' di scorza leggermente spremuta sul bordo della coppa, alla quale ha tolto il ghiaccio, poi versa il drink filtrandolo e guarnendolo con la scorzetta.

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazines