Magazine Società

Quei morti che non resusciteranno.

Creato il 15 aprile 2017 da Gianlucaweast @gianlucaweast

Quei morti che non resusciteranno.

(c) 2017 weast productions / all right reserved


Quei morti che non resusciteranno.

(c) 2017 weast productions / all right reserved

Ci sono morti che non resusciteranno. E ci sono vivi che sono morti, anche se ti guardano. Nemmeno loro resusciteranno. 
SpazioReale è aperta l'esposizione Resistenze, dedicata alla popolazione civile di Mosul, in Iraq. È un pezzo di pelle strappata a me e consegnata alla carta per stamparci sopra le storie di questi esseri umani. 
Basta una prospettiva, a due passi dal manifesto esposto in città, per spalancare il vuoto, per innescarlo. Basta lo sguardo che trova poca aria mentre è fisso su uno che cammina per richiamarlo. 
Questo-tutto-sommato-nulla basta affinché si faccia avanti la domanda: "A che cosa sono servo?". 
Domanda che viene fuori sempre, quando guardi i morti di guerra che non conosceranno risurrezione, perché sono morti e basta e non risultano a nessuno. Domanda di fronte ai sopravvissuti. Non risultano nemmeno loro. Anche di fronte a un manifesto, sissignori. Uguale a uno specchio che ti costringe a guardarci dentro. 
"A che cosa servo?". La  domanda trasforma il testimone in uno di loro: in un sopravvissuto, oppure in un morto. Nient'altro. È questa, credo, la sola garanzia che accompagna il mio lavoro. 

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazine