Magazine Politica

QUEL CHE RESTA DI HAMAS DOPO L’OPERAZIONE BANDIERA PROTETTIVA di G. Caprara

Creato il 21 settembre 2014 da Conflittiestrategie

 

bandiera-israele2
Nonostante la vittoria politica e mediatica sull’operazione Bandiera Protettiva di Israele, sempre più abitanti di Gaza stanno mettendo in discussione le decisioni e le strategie di Hamas, il gruppo islamico militante che controlla la Striscia di Gaza, il cui metodo di governo della popolazione non belligerante è fondato sull’intimidazione. La critica non riflette necessariamente una perdita di sostegno per Hamas, infatti la maggior parte dei palestinesi, tra cui anche i detrattori, plaudono al raggiungimento di alcuni tra gli obiettivi preposti alla guerra contro Israele: libero scambio economico e l’apertura dei valichi delle frontiere. La quasi totalità degli abitanti di Gaza, ritengono la formazione militante di Hamas come la responsabile delle vittime civili, anche perché all’inizio della crisi avevano già espresso preoccupazione e disappunto sulla scelta dei miliziani di lanciare i razzi dai loro quartieri. Ciò aveva obbligato le Forze di Difesa Israeliane a bersagliare la zona con l’artiglieria pesante e raid aerei. Questo ha generato un crescente malcontento tra i palestinesi che, nonostante il loro fervente nazionalismo, accusano Hamas di essere in parte responsabile anche della crisi umanitaria nella Striscia di Gaza. I civili sperano che i miliziani possano ricostruire Gaza e migliorare l’economia devastata dai conflitti succedutesi negli anni, od almeno non ostacolare gli sforzi internazionali per restituire la dignità al territorio. Mkhaimer Abusaada, un analista politico di Al-Azhar di Gaza, precisa che: «Se questo non viene realizzato tra oggi e le prossime elezioni palestinesi, Hamas sarà in una situazione molto difficile. I palestinesi potrebbero abbracciare Hamas contro Israele, ma alla fine vorrebbero vedere le loro case e le infrastrutture riparate. Se questo non verrà fatto nel breve periodo, Hamas perderà la sua popolarità». La formazione islamica è politicamente isolata, soprattutto dopo aver perso il sostegno dei suoi sponsor principali, la Siria e l’Iran, questo per aver declinato l’aiuto al regime siriano contro la ribellione sunnita, ed inoltre ha ricevuto critiche dai palestinesi perché ha rifiutato la mediazione egiziana all’inizio della guerra, quando il numero delle vittime era considerevolmente più basso rispetto alla conta finale. Tale sentimento è comune fra la popolazione di Beit Lahiya, una tentacolare enclave collinare di grandi case adiacenti al confine con Israele. Molti residenti sono stremati dall’aver dovuto sopportare il peso maggiore della guerra, soprattutto perché i danni riportati da Israele sono stati infinitesimamente minori. Il popolo palestinese sta pagando il prezzo della decisione militare di un governo che stenta a riconoscere. La guerra combattuta fra Hamas ed Israele è asimmetrica, ossia un attore statuale forte che si contrappone ad una formazione non convenzionale debole. Un aspetto collaterale all’asimmetria, principiato dagli attori non statuali, è definito come “shadows of war”: è un nuovo tipo di economia organizzata in una rete di interrelazioni clandestine, fondata sulla violenza e su azioni criminali. Il denaro viene reperito attraverso rapine, traffico di stupefacenti, gestione della immigrazione clandestina e destinato all’acquisto di armi. Queste forme di sovvenzione possono essere valutate come la sorgente principale di una dinamica economica criminale transnazionale che incarna il lato oscuro della globalizzazione. A questa tipologia di sostegno economico, la ideologizzazione della lotta aggiunge altre forme di finanziamento, in particolare per quanto riguarda le formazioni islamiche: una di queste è la zakat, ossia donazioni filantropiche di credenti musulmani. Altre entrate provengono dalle elemosine raccolte nelle moschee, le quali vengono spesso dirottate al finanziamento delle cellule terroristiche. Ciò è l’evidenza che l’ideologia religiosa si sposa con l’economia di guerra. L’accusa rivolta ad Israele è quella di aver usato una risposta forte ad una offesa di minore entità; non è una nuova regola dei conflitti asimmetrici, ma una condotta di guerra che appartiene al passato. Gli eserciti forti, hanno sempre usato tutto il loro potenziale bellico e di intelligence per vincere, dunque il popolo sionista non può essere condannato per questo. I conflitti asimmetrici, sono destinati per la loro natura ad estendersi sotto il piano temporale, e questo implica anche una maggiore incertezza sul raggiungimento del risultato. L’effetto negativo per l’attore statuale è nella progressiva perdita del consenso dell’opinione pubblica interna verso le azioni intraprese. Per questo motivo, è stato introdotto il concetto di “vittoria sufficiente”, intendendo con questa espressione descrivere una situazione in cui la parte debole del conflitto asimmetrico, non è stata completamente debellata, ma messa in condizione di non raggiungere più l’obiettivo preposto. L’aver eliminato 32 tunnel che collegano Gaza ad Israele, usati dai terroristi, è una vittoria sufficiente, in netta contrapposizione con l’obiettivo di distruzione totale dell’avversario, una dottrina propria della nazione sionista. I lunghi anni di guerra stanno fiaccando Israele, che presto dovrà trovare un equilibrio interno ed internazionale per garantirsi la sopravvivenza, ed Hamas dovrà raggiungere la consapevolezza di essere un Governo piuttosto che una formazione combattente.

Giovanni Caprara


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Dossier Paperblog