Magazine Ecologia e Ambiente

Quello che fu il “Rifugio alla Cappella di Calamento” (Lagorai)

Creato il 13 febbraio 2020 da Cipputi
Nel 1924 la SAT di Trento "affiliò"  il nuovo albergo costruito nella Val

Rifugio alla Cappella di Calamento

L'albergo alpino “Rifugio alla Cappella di Calamento” come appariva nel 1934,
dieci anni dopo la sua realizzazione.

Calamento sopra i muri di un vecchio edificio che risaliva alla fine dell'Ottocento.Il nome prescelto per il nuovo albergo alpino fu “Rifugio alla Cappella di Calamento” (si intendeva con questo ricordare la piccola cappella adiacente).

Rifugio alla Cappella di Calamento

In una cartolina degli anni Sessanta, con l'adiacente cappella e, nel riquadro, lo
aspetto che assunse nel 1976, quando fu sottoposto ad un primo radicale amplia-
mento e cambiò il nome in "Albergo Calamento".

👉Molto più tardi, siamo già nel 1976 venne ristrutturato, seguendo la tendenza all'espansione edilizia in quota di quegli anni e in tale occasione cambiò il nome in "Albergo Calamento". L'attività proseguì con alterne fortune fino al 2008, quando ebbe termine.👉Nel 2018 dei privati lo hanno rifatto, ampliato e riaperto con il nome di Hotel Aurai. Lo stile è quello "simil-alpino" e l'inziativa sembra rivolgersi ad un pubblico modaiolo sensibile ai richiami della sauna e del wellness più che a quello della montagna. Ma va bene così. Almeno non è in stile modernista o bio-bau fatto per "sorprendere": le sorprese, per chi le ama, sono state confine all'interno e soprattutto riprese nei depliant e nei siti illustrativi.

Rifugio alla Cappella di Calamento

La posizione dell'albergo in  una vecchia fotografia.

Rifugio alla Cappella di Calamento

Il "Rifugio alla Cappella di Calamento" in una cartolina viaggiata nel 1957.

Quello che fu il “Rifugio alla Cappella di Calamento” (Lagorai)

Nel 2018 l'"Hotel Aurai" ha sostituito l'"Albergo Lagorai" nel riquadro in bianco e nero. (immagini antiche da cartolinedairifugi.it). Attualmente la SAT dispone di un altro albergo-rifugio in Val Campelle, sempre in zona.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog