Magazine Attualità

Quello che il renzismo non dice (189) – Di querele e altra politica orwelliano-distopica. Da Umberto Eco a Giovannino Guareschi come appressarsi alla morte e/o togliere la fiducia a un governo.

Creato il 02 aprile 2016 da Rosebudgiornalismo @RosebudGiornali
Image2.jpgdi Rina Brundu. “”Maestro, come si può bene appressarsi alla morte?” ho risposto che l’unico modo di prepararsi alla morte è convincersi che tutti gli altri siano dei coglioni” è con queste memorabili parole che il filosofo Umberto Eco risponde, nel 1997, all’ideale discepolo Critone, utilizzando un godibilissimo linguaggio da Internet 3.0 a dimostrazione che il CERN avrà pure inventato il protocollo comunicativo ma molto del suo “contenuto” esisteva già. Nel proseguio del discorso, il semiologo dà al giovane Critone anche alcuni consigli su come mettere in pratica questo suggerimento: bisognerebbe insomma partire lenti, dare del coglione solo ad alcuni, soprattutto per non rischiare una autodenuncia di coglionaggine e poi bisognerebbe continuare allargando il campo passo passo fino ad includere  l’umanità tutta!

Strategia straordinaria! Funzionasse anche con chi è tentato di togliere la fiducia a questo governo ma non ne ha il coraggio???!! Partissero lenti….

PS Solidarietà a Beppe Grillo per la querela ricevuta dal potentato di turno… dai tempi di Guareschi non si è imparato proprio nulla!!! E storicamente si è iniziato sempre con soavi proclami prima di finire male, molto male…

Cliccare su l’immagine sottostante per leggere la straordinaria “Bustina” di Eco.

Image2


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :