Magazine Attualità

Quello che il renzismo non dice (192) – Se adesso Renzi sfida la magistratura…. E un confronto giornalistico-mediatico con la Stampa che tiene sotto pressione il Cameron dello Scandalo ad padrem.

Creato il 04 aprile 2016 da Rosebudgiornalismo @RosebudGiornali
Image4di  Rina Brundu. “L’emendamento lo rivendico. Indagati sapevano? Io no, c’é separazione dei poteri….. mi interroghino” così parlò Matteo Renzi nell’aftermath dello Scandalo Ministro Guidi e l’emendamento in questione è quello “ad fidanzatum” che ha portato alle dimissioni dello stesso ministro. Non ci fosse da piangere ci sarebbe da ridere, o meglio da “schiantarsi” dal ridere per usare un verbo aulico preferito dal Premier. Lui non sapeva perché c’é la separazione dei poteri… un poco come quando Maria Elena Boschi non sapeva delle decisioni prese su Banca Etruria & Co perché usciva dalla stanza. Che tempra di uomini e di donne questi renzisti e che senso della discrezione!!! Nonché – a mio modo di vedere – una faccia tosta nel prendere per il culo il neurone rincoglionito (o supposto tale) del cittadino che non si era mai vista prima!!!

Ma non è tutto: la mania di grandezza sembrerebbe cresciuta così a dismisura che ormai Matteo Renzi sfida apertamente la magistratura: “Mi interroghino” ribadisce. Chissà, magari lo faranno… time will tell. Per intanto cominciano dalla Boschi… ed è già molto se il magistrato competente non sia stato a sua volta incriminato per lesà madonnità: di fatto sembrerebbe che questo Esecutivo possa fare a meno di tutti, tranne che della Boschi. Parafrasando Brecht “Felice il paese che non ha bisogno di politici intoccabili”, ma evidentemente non è il nostro.

Sempre a proposito di situazioni da “schiantarsi” dal ridere faceva quasi tenerezza, questo primo pomeriggio, l’enfasi con la quale i telegiornali Rai, soprattutto il TG2 delle 13 hanno accolto lo scandalo globale dei conti offshore panamensi (o dell’ennesima scoperta dell’acqua calda: cosa si pensava si facesse a Panama? Andare con un bracco a cercare tartufi?): finalmente una boccata d’aria fresca per il renzismo soffocato nelle sue stesse acque stagnanti! Per il TG2 lo scandalo Guidi è quasi sparito come per miracolo dalla scaletta, come se qualcuno dalle alte e altre sfere avesse dato l’input: tempo di muovere oltre! Sicuro: tempo di arrivare fino al prossimo “affaire” poco chiaro che, statistiche alla mano, dovrebbe perfezionarsi tra meno di due settimane e chissà quale sarà l’oggetto del contendere… ovvero la “trattativa politica” da rivendicare con orgoglio e che, alla maniera delle altre riforme renziane, era stata pensata per beneficare il Paese ma ha poi finito per beneficare i soliti noti, gli amici degli amici: quando si dice la sfiga!

Chissà perché mi torna prepotentemente in mente la Gran Bretagna del Cameron dello Scandalo Ad Padrem successivo al Panamaleaks e la pressione giornalistica-mediatica su Downing Street nonostante l’assicurazione che si tratti di “faccende private”…. già, chissà perché mi vengono in testa certi paragoni: da “schiantarsi” dal ridere!


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :