Magazine Attualità

Quello che il renzismo non dice (80) – Dall’Affaire Dreyfus al Caso Isoardi ognuno ha i ca… si che si merita.

Creato il 25 febbraio 2015 da Rosebudgiornalismo @RosebudGiornali
Degradation_alfred_dreyfusdi Rina Brundu. Premetto che ho titubato a lungo prima di decidere il titolo di questo pezzo. Per qualche peregrina ragione mi pareva opportuno inserire lo scritto nella rubrica “L’angolo del neurone rincoglionito”, poi mi sono detta che in fondo il Corriere.it tratta l’argomento in prima pagina, dunque chi sono io per contestare le ragioni di cotanta testata? Certo, è pur vero che in queste stesse ore il Corriere tiene in “prima” anche la signora Venier che sproloquia all’isola dei fumosi e un Rocco Siffredi che, piangente, promette alla moglie che sarà un marito migliore e che cambierà (Santiddio, cosa vorrebbe cambiare? Ci darà un… taglio?), ma il dubbio mi resta…

Back to square one. La notizia renzistica bomba di oggi sembrerebbe essere che il PD e Ncd hanno presentato un’interrogazione parlamentare per protestare contro i favoritismi in RAI a Salvini orchestrati dalla sua nuova fidanzata Elisa Isoardi, conduttrice del primo canale. Nello specifico ad alcuni arguti rappresentanti di questi due partiti non sarebbe sfuggito che la Isoardi avrebbe polemizzato nei giorni scorsi con un qualche appartenente alla corte del sindaco di Verona Flavio Tosi, oggidì fiero avversario di Salvini, e quindi si sarebbero sentiti in dovere di “intervenire” proprio come ai bei tempi dell’obbedienza pronta, cieca ed assoluta. Addirittura la Isoardi sarebbe in “conflitto d’interessi affettivi” dato il suo ruolo di primo piano in RAI, manco fosse una novella Berlusconi con le tette…

Qui però mi fermo perché anche un qualsiasi neurone rincoglionito ha dei limiti di rinc… oltre il quale non gli è deontologicamente consentito andare. Di fatto le domande che sorgono spontanee sono: 1) chi sono questi arguti rappresentanti del PD e NCD che mentre il paese è ingolfato nella merda hanno finanche tempo per occuparsi di queste sciocchezze? 2) cos’ha portato queste anime pie ad intervenire in faccende che – qualora avessero un senso (difficile trovarglierlo comunque), sembrerebbero interne alla Lega? 3) con che coraggio il PD – che in questo anno renziano ci ha letteralmente ammorbato con una presenza tv da regime nord-coreano (anche se, è giusto dirlo, il loro leader è molto più discreto), si permette di attaccare una ragazza che sta facendo il suo lavoro solo perché costei è la fidanzata di Tizio o di Caio? 4) perché non esiste un meccanismo minimo di protezione della dignità del nostro Parlamento che, volenti o nolenti, rappresenta il nostro popolo? 5) perché un giornale come il Corsera pubblica in “prima” una tal notizia dato che, dovendo scegliere (e qui ne convengo), sarebbe senz’altro meglio dare la massima priorità al pianto di Siffredi?

Naturalmente le domande che sorgono spontanee sono anche altre, ma a che servirebbe riportarle nero su bianco? Solo a coprirci tutti quanti di maggior ridicolo, come ha fatto giustamente notare un sagace commentatore alla notizia che ha scritto “Il PD si ridicolizza da solo e mostra il suo volto totalitario”. Commento senz’altro indovinato, anche uno dei più teneri. Per quanto mi riguarda mi resta il dubbio che avrei dovuto pubblicare queste note sotto quell’altra rubrica, ma data la “gravità” del caso, alla maniera di Gramsci (che si starà rivoltando nella tomba), non voglio neppure fare l’indifferente e perciò: liberate l’innocente Isoardi-Dreyfus subito! E visto che ci siete liberate anche Siffredi così la smette di frignare, magari al suo posto mandateci la Venier sull’isola o dove meglio credete… ma non prima di avere consultato Renzi e Alfano che non si sa mai!

Proprio vero che ogni nazione ha i ca…si suoi, questi evidentemente sono i nostri! Sigh!

Featured image, la degradazione di Alfred Dreyfus

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog