Magazine Curiosità

R- Deprecare, Cellophane; Marchi

Creato il 28 agosto 2019 da Chinalski

Deprecàre
Dal latino deprecari, composto di dì- ‘de-‘ e precari ‘pregare’.
Verbo transitivo [io deprèco, tu deprèchi ecc.].
1. (letterario) Cercare di allontanare un male con preghiere e scongiuri: sciogliean le chiome, indarno ahi! deprecando / da’ lor mariti l’imminente fato (Foscolo).
2. Disapprovare, biasimare energicamente: deprecare il ricorso alla forza.

Deprecazióne
Dal latino deprecatione(m).
Sostantivo femminile.
1. (letterario) Il deprecare, l’essere deprecato; la formula o la preghiera usata per deprecare.
Nella retorica antica, la parte conclusiva dell’orazione, nella quale si invocava la clemenza dei giudici.
2. Disapprovazione, biasimo.

Una (parola) giapponese a Roma

Cellophane [‘tSelOfan]
Voce francese, marchio registrato.
Sostantivo maschile invariabile.
Denominazione commerciale del cellofan.

Cèllofan
Anche cellofàn, non comune cellòfane.
Adattamento italiano del francese cellophane, composto di cell(ulose) ‘cellulosa’ e -phane, dal tema del greco pháinein ‘mostrare, far vedere’.
Sostantivo maschile invariabile.
Pellicola trasparente e incolore, in fogli o in bobine, ottenuta per essiccamento di una soluzione di cellulosa e usata per rivestimenti o imballaggi impermeabili ai grassi, agli idrocarburi e ai gas (ma non al vapore acqueo); si rigonfia e rammollisce al contatto con l’acqua.

Marchi, non parole

Eccolo, il nuovo, grande concorso.
Tra le tante proposte giunte relative a nuovi concorsi sulle etimologie delle parole la redazione ha scelto, forse, l’unica che non era stata avanzata.
Tratteremo dei marchi commerciali che sono diventati parte del linguaggio comune e hanno perso la loro
associazione al prodotto per diventare veri e propri sostantivi.
Un esempio: cellophan.

La redazione mette in palio i tradizionali tre premi:
"marchi, non parole" per chi propone il più alto numero di parole accettate;
"marchi, …" per il propositore del marchio più strano;
"marchi, …" per il vincitore della sezione faceta del marchio rovinato.

Buon lavoro, e che vinca il più consumista.

[N.d.C. Trattandosi ancora di una Parolata ristampata il concorso è già terminato, e sul sito potete trovare l’elenco delle parole già accettate. Chissà che con l’occasione della riproposizione del concorso il vostro curatore non si decida finalmente ad aggiornare la pagina]


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog