Magazine Curiosità

R- Donde, Lectio brevis; Etimo

Creato il 22 maggio 2019 da Chinalski

Dónde
Latino dì unde ‘da dove’.
Anche, raro, d’onde.
Avverbio (letterario).
1. Da quale luogo (in proposizioni interrogative dirette e indirette): donde vieni?; non si seppe mai donde venisse.
Da chi, da quale fonte: donde derivano tali notizie?
2. Dal luogo dal quale (con valore relativo): vengo donde vieni tu.
3. Perché, per qual motivo (con valore causale): donde tanti lamenti?; aver (o averne) donde, averne ben donde: aver motivo di.
Dalla qual cosa: donde si deduce che…

Pronome relativo.
(letterario) Da cui, di cui, per cui: la città donde vengo; Oimè, perché sì rado / mi date quel dond’io mai non son sazio? (Petrarca); per una falsa porta, dond’egli entrato era (Boccaccio).

Congiunzione.
(antico) Per la qual cosa, sicché.

Una (parola) giapponese a Roma

Lectio brevis [‘lEktsjo ‘brEvis]
Locuzione latina; propriamente ‘lezione breve’.
Locuzione sostantivale femminile.
Giornata scolastica abbreviata, di solito in un giorno che precede un periodo di vacanza.

Un etimo al giorno

Modèrno
Dal latino tardo modernu(m), derivato dell’avverbio modo ‘ora, in questo momento’.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog