Magazine Curiosità

R- Perito, Perire, Peritarsi; Accento; Libro

Creato il 13 maggio 2019 da Chinalski

Etimi e parole a confronto

Perìto
Voce dotta, latino peritu(m), da un verbo periri ‘fare esperienza, provare’, di origine indeuropea.
Aggettivo.
Che è particolarmente esperto in un’arte o scienza: diventare perito nella meccanica.

Sostantivo maschile [femminile perita].
1. Chi, per la profonda conoscenza di un’arte o scienza, può pronunciare pareri, giudizi e simili: un perito calligrafico. Sinonimo: esperto.
2. Titolo di studio conferito mediante diploma da veri istituti tecnici: perito chimico, agrario.

Perìto
Participio passato di perire, anche aggettivo.

Perìre
Latino perire, composto di per ‘al di là’ e ire ‘andare’.
Verbo intransitivo.
1. (letterario) Essere distrutto, andare in rovina: nella discordia le nazioni periscono; l’intero carico perì nel naufragio. Sinonimo: soccombere.
2. Morire, specialmente di morte non naturale: perire in un disastro aereo, in un incendio.
(estensione) Finire, estinguersi (anche figurato): una razza che perirà.
3. (figurato) Languire: perire per amore.

Verbo transitivo.
Far perire.

Peritàrsi
Latino tardo pigritari ‘essere molto pigro’, da pigrare ‘essere pigro, indugiare’, da piger, genitivo di pigri ‘pigro’.
Verbo intransitivo (io mi pèrito).
1. Non osare, per timidezza o altro: mi peritavo a disturbarti.
Non peritarsi: osare.
2. (raro) Vergognarsi.

L’accento, questo sconosciuto

Si dice io mi pèrito, e non io mi perìto.

Se questo è un libro

Mauro Cociglio vi propone:
L’uomo che scambiò sua moglie per un cappello, di Oliver Sachs. La mente umana vista da un neurologo/scrittore attraverso le storie esemplari dei suoi strani pazienti.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazine