Magazine Curiosità

R- Salmistrare, Salmi; La sai!

Creato il 03 luglio 2019 da Chinalski

Salmistràre
Dal veneto salmistrar, derivato di salmistro ‘salnitro’.
Verbo transitivo.
(gastronomia) Trattare la lingua di bue con sale e salnitro, lasciandola poi alcuni giorni a marinare in una salamoia con varie droghe e infine lessandola in modo da assicurarle una lunga conservazione: lingua salmistrata.

Una (parola) giapponese da Perilli

Salmì
Dal francese salmis, forma abbreviata del più antico salmigondis ‘ragù’, dall’italiano salami conditi. Sostantivo maschile invariabile.
(gastronomia) Modo di cucinare la selvaggina (soprattutto la lepre) tagliandone la carne a pezzetti, facendola marinare in vino, verdure e aromi e infine cuocendola lentamente con lo stesso infuso passato al setaccio.

La sai l’ultima!

Un genovese vede un nero in mare nudo e dice "che bigolo!" e il nero "è bigolo berghé è bagnato".

Come se fosse proposta da Gianluca Griffa.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazine