Magazine Curiosità

R- Titubante; Marchi: Vespa; Accento; Perle; Ribollite

Creato il 16 settembre 2019 da Chinalski

Titubàre
Dal latino titubare ‘vacillare’, poi ‘essere incerto’.
Verbo intransitivo [io tìtubo ecc.; ausiliare avere].
1. (raro) Vacillare, oscillare.
2. (figurato) Essere, mostrarsi incerto, dubbioso; esitare a prendere una decisione: titubare nel fare qualcosa.

Titubànte
Participio presente di titubare.
Aggettivo.
Che si mostra incerto; che esita nel prendere una decisione: una persona sempre titubante.

Marchi, non parole

Vèspa
Da vespa, l’insetto, per le piccole dimensioni, la velocità e il ronzio del motore.
Sostantivo femminile.
Motociclo carenato di fabbricazione italiana, di piccola cilindrata, con motore decentrato montato su scocca portante e con ruote di piccolo diametro.
Ora, qualsiasi motociclo con queste caratteristiche.

Vespa è di Mauro Cociglio.

A voi la classifica.
Piero Fabbri 8
Mauro Cociglio 5
Marco Marcon 7
Alessandro Rigallo 2

L’accento, questo sconosciuto

Si dice io tìtubo, e non io titùbo.

Perle dai porci

"Beh, poi tra il dire e il fare certe cose è tutto un altro andare di corpo, ho avuto certe esperienze in passato!"

Perla proposta da Paola Cinato.

Storie ribollite

La decima storia ribollita proposta dal nostro ottimo Piero Fabbri si conclude con tre punti assegnati all’autore e due punti al segugio Mauro Cociglio, l’unico che abbia indovinato la soluzione.
La classifica ad oggi:
Piero Fabbri 18
Mauro Cociglio 13
chinalski 10
Marco Marcon 5
Giovanni Fracasso 4
Berilio Luzchech 1

Berilio Luzchech si cimenta con una storia fornendoci l’undicesimo contributo.

Undicesima storia ribollita, di Berilio Luzcech

La ricetta del giorno: il minestrone.
Cucinare il minestrone è molto facile, si tratta di far bollire insieme tutte le verdure che vi piacciono, quante più ce ne sono meglio è.
Se non avete tempo per fare la spesa vanno benissimo anche i preparati surgelati che si trovano nei supermercati. In questo caso però c’è un problema: spesso le ditte che preparano i surgelati mettono qualche OGM insieme alle verdure genuine coll’intento di migliorare il sapore prodotto e ignorando il fatto che alla lunga gli OGM possono essere nocivi.
Sarà dunque compito vostro separare i prodotti genuini dagli OGM e buttare questi ultimi nella spazzatura. Attenzione però: non assaggiate gli OGM, potrebbero piacervi a tal punto da non desiderare altro!


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog