Magazine Cucina

Rabarbaro: proprietà, benefici e controindicazioni

Da Giulioplay @ricettenonna
Ricette » Ingredienti e alimenti » Rabarbaro: proprietà, benefici e controindicazioni

Il rabarbaro è una pianta che appartiene alla famiglia delle Poligoniaceae, ed è molto grande come pianta infatti può raggiungere fino a due metri di altezza.

Ha una rosetta basale con grandi foglie, dalle quali escono lunghi gambi rossastri al cui apice pende il fiore. La radice è molto grande con un rizoma carnoso e robusto e da qui ogni anno nascono le foglie della rosetta basale.

Le piante si sono adattate perfettamente ai climi temperati euroasiatici, infatti crescono senza bisogno di coltivarle. Il luogo perfetto per la crescita è in boschi, dove trovano la necessaria umidità, luce del sole e un PH perfetto per la crescita.

E’ uscito il libro di Ricette della Nonna

Rabarbaro: proprietà, benefici e controindicazioni
Acquistalo su Amazon ad un prezzo incredibile

500 tra le ricette più belle di Nonna da conservare finalmente nella tua libreria. Lo potete trovare in libreria e nei maggiori portali di ecommerce in formato elettronico oppure in copertina rigida.

Rabarbaro

Rabarbaro: proprietà

 I valori nutrizionali del rabarbaro (per 100 g di prodotto) sono i seguenti:

  • Valore energetico: 21 kcal
  • Acqua: 93,61g
  • Calorie: 21kcal
  • Proteine: 0,9g
  • Carboidrati: 4,54g
  • Fibre: 1,8g
  • Calcio: 86mg
  • Ferro: 0,22mg
  • Magnesio: 12mg
  • Fosforo: 14mg
  • Potassio: 288mg
  • Sodio: 4mg

Benefici

Il rabarbaro viene utilizzato molto spesso come alimento digestivo, purgativo, depurativo e decongestionante.

È un ottimo rimedio naturale per la stipsi. È utile anche per facilitare la digestione, e per questo viene spesso utilizzato nell’aperitivo all’interno delle bevande come un meccanismo di purificazione dell’organismo.

Viene utilizzato anche per impacchi cicatrizzanti, per lenire le ragadi anali e le emorroidi e infine per curare le infezioni.

Rabarbaro proprietà e benefici

Controindicazioni

A causa delle sue proprietà lassative e purgative il rabarbaro può anche causare uno stress all’intestino, in particolare delle persone con problemi all’apparato escretore.

È sconsigliato anche alle donne in gravidanza e a bambini troppo piccolo. In teoria bisognerebbe consumarlo in dosi limitate perché contiene acido ossalico, che può anche corrodere le mucose.

I popoli mongoli utilizzavano il rizoma già 1000 anni prima di Cristo e nei secoli successivi gli europei usavano importare dalla Cina le chips essiccate del rizoma di “radice barbara”.

Rabarbaro: stagione

Il rabarbaro cresce negli orti in compagnia delle fragole ed è meglio raccoglierlo nella primavera e nell’estate del secondo anno di coltivazione. Inoltre è uno degli ortaggi più semplici da coltivare.

Varietà

 Molte sono le varietà del rabarbaro, tra cui le più note sono:

  • Queen Victoria: con gambi di colore verde-rosa e un ottimo mix tra dolcezza e acidità.
  • Glaskins Perpetual: produce lunghi steli di colore rosso, succosi e con un sapore unico. È l’unica varietà di rabarbaro che può essere raccolta anche a fine della stagione
  • Champagne: produce lunghi steli bianchi con venature rose.
  • Goliath: la varietà più grande che potrete trovare, con gambi di oltre 90cm. La colorazione è rossa anche se è verde a maturità completata.
  • Palmatum: una specie asiatica conosciuta anche in Europa per i suoi rizomi da cui si possono ricavare amari e caramelle. Le sue foglie sono molto grandi e di colore verde intenso, anche se tendono al rosso nei periodi freschi dell’anno.

Rabarbaro curiosità


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazines