Magazine Cultura

Recensione [Books&Babies]: Berlin 5 - Il richiamo dell'Havel di M. Magnone e F. Geda

Creato il 25 dicembre 2017 da Roryone @colorelibri
BERLIN 5 - IL RICHAMO DELL'HAVEL
Recensione [Books&Babies]: Berlin 5 - Il richiamo dell'Havel di M. Magnone e F. Gedadi M. Magnone e F. Geda

Prezzo: € 15,00| Ebook: € 7,99  |
Pagine: 194 | Genere: Distopico YA |Editore: Mondadori Ragazzi | Data di pubblicazione:  17 Ottobre | Età: 12 anni +

Trama


Gli adulti non esistono più. Nel 1975 il virus li ha uccisi e da tre anni uccide chiunque abbia più di sedici anni. Questa è l'unica certezza per i bambini e ragazzi allo sbando tra le spettrali vie di Berlino. E invece no. Gli adulti esistono ancora. Uno di loro, Andreas Beck, sta cercando una cura al virus, mentre gli altri sono armati e pronti a tutto. Anche a sparare a Bernd. Intanto Jakob è ancora sconvolto da quando, nel mezzo di una tormenta di neve, ha dovuto salvare la sua peggior nemica, Wolfrun, caduta in un lago gelido con il cavallo Ziggy. Sembra che per entrambi da quel momento il mondo si sia capovolto e ora, in fuga dai loro nuovi nemici, si stanno per incontrare di nuovo...


IL MIO PENSIERO SUL LIBRO
Tornare a Berlino insieme ai ragazzi di Tegel, Gropius e Reichstag é sempre una grande emozione, aprire un nuovo capitolo di questa saga e iniziare la lettura é come ritrovare vecchi amici e soprattutto é sempre l’inizio di una nuova avvincente ed emozionante avventura e arrivare alla fine é sempre troppo difficile. Magnone e Geda sono dei veri maestri nel creare nuove avventure, sanno come intrattenere il lettore e come stuzzicarne continuamente la curiosità, i loro libri raccontano storie dal sapore dolce amaro, a volte con sfumature colorate che scaldano il cuore altre volte con mille tonalità di grigio che il cuore lo spezzano, perché Berlin parla di quanto sia difficile la vita quando si é troppo giovani per essere adulti e dover peró affrontare la vita come adulti. Alla fine del 4 libro sapevo che le cose si stavano mettendo male, più male del solito e che il mio cuore sarebbe stato trafitto da spilloni roventi, sapevo anche che il quinto libro mi avrebbe regalato nuove grandi emozioni, che mi avrebbe portato di nuovo in giro per una Berlino distrutta nel profondo e che il suo piccolo giovane popolo era pronto a lottare ancora. Il racconto riprende nel punto esatto in cui era finito il quarto volume, come se il tempo si fosse fermato per i sei mesi passati da un libro e l’altro, purtroppo non ero pronta e probabilmente non lo sarò mai ad accettare quello che stavano per scoprire Jakob e i suoi compagni, ho sentito il cuore sprofondarmi nel petto, fare uno strano suono sordo, ma come dicono sempre i ragazzi di Berlin questa é la loro vita, la loro assurda e terribile normalità e così ho continuato a leggere, sentendo salire la tensione pagina dopo pagina. Berlin é un insieme di emozioni contrastanti, se un attimo il lettore sta gioendo insieme ai suoi protagonisti un attimo dopo sente le lacrime pizzicargli gli occhi o avverte la rabbia montare e inizia ad avere istinti omicidi verso alcuni protagonisti come Claudia, che personalmente avrei volentieri preso a calci nel sedere. Jakob, Christa, Timo, Wolfurn e gli altri ragazzi di Berlin sono cambiati molto, sono cresciuti insieme ai loro libri, si sono evoluti e piano piano stanno prendendo coscienza di ciò che li attende e proprio in questo libro prenderanno decisioni importanti per provare a sconfiggere il virus, stanchi di dover vivere con una data di scadenza stampata addosso. Purtroppo però a Berlin nulla é mai facile, nulla é mai come sembra e si finisce per commettere sempre qualche errore, ma come ho detto ognuno di loro sta cambiando, si sta evolvendo e alla fine fanno scelte che li portano, almeno alcuni di loro, ad allearsi e proprio in questo libro assisterete alla nascita di alleanze che mai avreste immaginato potessero avvenire! Naturalmente come sempre scopriremo qualcosa di più sul passato di alcuni protagonisti, li scopriremo attraverso i loro ricordi, dando al lettore nuove informazioni e permettendogli di mettere insieme altri pezzi di questo meraviglioso puzzle che é la storia creata da Magnone e Geda. Per 194 rimarrete incollati al libro, totalmente rapiti dalla storia, sconvolti dalla piega che prenderanno gli eventi e soprattutto resterete senza parole per i tanti incredibili colpi di scena, vi sarà impossibile interrompere la lettura, ma avrete anche paura di arrivare alla fine, perché dover dire ancora una volta addio a Jakob e gli altri sarà troppo difficile e doloroso. Personalmente questo libro é quello che mi ha scolpita di più, é stato un vero e proprio colpo al cuore e il finale mi ha sconvolta, lasciandomi con quell’implacabile bisogno di dover sapere prima di impazzire, perché l’ultima pagina apre in realtà la strada al sesto volume, é infatti sconvolgente e inaspettata e da il via libera a dubbi e supposizioni, che avranno risposte solo nel sesto ed ultimo libro.
Recensione [Books&Babies]: Berlin 5 - Il richiamo dell'Havel di M. Magnone e F. Geda

Recensione [Books&Babies]: Berlin 5 - Il richiamo dell'Havel di M. Magnone e F. Geda


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :