Magazine Cultura

Recensione di D’Onde di Amanda Curcio, Improvvisatore Involontario 2010

Creato il 13 ottobre 2011 da Empedocle70
Recensione di D’Onde di Amanda Curcio, Improvvisatore Involontario 2010
Che direzione sta prendendo la musica? Cerco di spiegarmi meglio. Mi riferisco né alla musica classica né alla cosìdetta pop music, due categorie da lungo tempo imbalsamate all’interno sia dei srispettivi territori stilistici, sia dalla necessità di perpetuare in eterno un rito di ripetizione richiesto dalle loro schiere di seguaci. Ma ci cerca di muoversi nei territori di confine, di realizzare qualcosa di nuovo, sia facendo parte della cosidetta avanguardia o semplicemente alla ricerca di qualcosa di estremamente personale e di vivo, che sentieri percorre?Da quello che sto ascoltando e ho ascoltato negli ultimi due anni mi sembra che due siano le direzioni interessate dalla creatività musicale: primo, mi sembra ci sia una sorta di avvicinamento tra composizione e improvvisazione, sempre più improvvisatori si dedicano alle strutture predefinite dai compositori trasformandosi in esecutori eclettici e informali, sempre più compositori scoprono le gioie e i rischi dell’improvvisazione diventando loro stessi compositori “istantanei”. Allo stesso tempo mi sembra che dopo un secolo di ricerca atonale, scoperta del rumore, abbandono della melodia, desiderio di una musica cerebrale quale espressione pura di un pensiero artistico sempre più astratto, ci sia un ritorno alla emozioni, al desiderio di una musica che esprima sentimenti e vibrazioni finora disdegnate e “relegate” alla musica popolare.“D’Onde” è possibile che una compositrice voglia registrare le proprie idee trascritte su pentagramma tramite una casa discografica/collettivo musicale dal nome di Improvvisatore Involontario? E’ un paradosso? Come scrive Mario Gamba nelle note che accompagnano il cd? E’ un ossimoro musicale o l’ennesimo scherzo da parte di un collettivo che negli anni ha ormai accumulato decine di esempi di arguto e intelligente umorismo?Di sicuro Aurora Curcio sa quel che fa, come lo sanno Domenico Ammendola (clarinetto), Carmelo Coglitore (sax tenore e soprano, clarinetto basso), Andrea Avena (basso) e il nume tutelare Francesco Cusa (batteria) perfettamente a loro agio a spasso tra le note di un pentagramma invece che su involontarie improvvisazioni (un giorno o l’altro deciderò di affrontare il loro sense of humor chiedendo “ma perché ‘sto Involontario”?). Su di tutto, giustamente ringraziato nelle note scritte e suonate aleggia il fantasma musicalmente concreto di Coltrane, ma insomma chi fermerà la musica? L’aria sta diventando elettrica? I pentragrammi e i compositori stanno trasformandosi in reti di relazioni? Molto bello!http://feeds.feedburner.com/ChitarraEDintorni

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Recensione di Mansarda, Improvvisatore Involontario

    Recensione Mansarda, Improvvisatore Involontario

    Benvenuti in Mandarda! Quante cose si possono trovare là sopra? Mettete su il disco e una voce di micetta annoiata vi informa che desidera spasmodicamente con... Leggere il seguito

    Da  Empedocle70
    CULTURA, MUSICA
  • Improvvisatore Involontario in concerto

    Newsletter novembre 20113/11 Mansarda @Piper, RomaMarta Raviglia - vocHenry Cook - reedsGiacomo Ancillotto - guitarRoberto Raciti - bassFrancesco Cusa -... Leggere il seguito

    Da  Empedocle70
    CULTURA, MUSICA
  • Sulle onde di un sogno

    Sulle onde sogno

    Cosa può passare per la mente di un artista quando decide di mettersi all’opera? Secondo me la non-decisione. Il segreto sta proprio in questo: lasciarsi... Leggere il seguito

    Da  Postscriptum
    CULTURA, MUSICA
  • Amanda è libera

    Amanda libera

    Amanda Knox: Murder on Trial in Italy(USA 2011)Film tv trasmesso negli USA su: LifetimeRegia: Robert DornhelmCast: Hayden Panettiere, Paolo Romio, Vincent... Leggere il seguito

    Da  Cannibal Kid
    CULTURA
  • Voglio le onde del mare

    Voglio onde mare

    Non mi dà nessuna soddisfazione l’acqua del fiume o del lago, voglio le onde del mare, il movimento cosmico che abbraccia il mio movimento, un corpo di membra... Leggere il seguito

    Da  Libereditor
    CULTURA, LIBRI
  • 30. Onde

    Onde

    da qui La barca è una macchia nera in mezzo al lago, appena increspato; Yaacov, Yoh’anan e Andreas remano piano, come per cullare il sonno di Yehochoua, ancora... Leggere il seguito

    Da  Fabry2010
    CULTURA
  • “La Rieducazione” di Amanda Flor in DVD

    Rieducazione” Amanda Flor

    AD OGNI COSTO “LA RIEDUCAZIONE” DI AMANDA FLOR IN DVD Disponibile nelle migliori librerie, videoteche e on line edito da Eskimo e distribuito da Koch La... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA