Magazine Cultura

Recensione di La mia musica segreta di Jane Hawking

Creato il 29 ottobre 2017 da Leggere A Colori @leggereacolori
Recensione di La mia musica segreta di Jane Hawking

Titolo: La mia musica segreta
Autore: Jane Hawking
Pubblicato: Giugno 2017 da Piemme
Genere: Narrativa Contemporanea Formato: Copertina Rigida Pagine: 552

Recensione di La mia musica segreta di Jane Hawking

Le opinioni su Goodreads

Recensione di La mia musica segreta di Jane Hawking

Acquistalo al prezzo più basso

Recensione di La mia musica segreta di Jane Hawking Acquista l'eBook al prezzo più basso
Usato garantito su Libraccio
Acquista l'eBook su Amazon al prezzo migliore
Acquista su Amazon al prezzo migliore Recensione di La mia musica segreta di Jane HawkingRecensione di La mia musica segreta di Jane HawkingRecensione di La mia musica segreta di Jane Hawking

La piccola Ruth vive una situazione famigliare difficile nella Londra degli anni '50 tra la povertà e la depressione della madre; per fortuna la casa di campagna dei nonni paterni dove trascorre le vacanze rappresenta un'oasi di felicità e serenità, ma soprattutto un luogo magico dove scoprire la passione per la musica e il pianoforte, che imparerà a suonare tra mille sotterfugi e segreti.

A quattro anni, la vita di Ruth viene sconvolta dal ricovero della madre per depressione: questa figura materna dall'umore instabile, fredda e frivola, e apparentemente incapace di amare la figlia, segna per sempre il carattere della timida Ruth. Il padre, sensibile e intelligente, capisce la necessità della bambina di avere accanto delle persone amorevoli e così i nonni paterni assumono un ruolo importante, come la loro casa in campagna e le numerose attività in cui coinvolgono la nipotina. Ruth cresce serena, e scopre che il pianoforte in casa dei nonni era appartenuto alla defunta zia concertista; da quel momento la bimba dedica ogni momento libero allo studio di questo strumento, aiutata dalla nonna e dalla maestra.

Approfondimento

Un grosso ostacolo però è costituito dal segreto che deve mantenere: a causa di una vecchia invidia della madre verso la zia concertista, a Ruth è vietato anche solo parlare ai suoi genitori di musica e pianoforti, per non rischiare di fare cadere la madre di nuovo in depressione. Per anni Ruth riesce a studiare musica di nascosto, ma il suo talento non può che emergere a dispetto di tutte le difficoltà, e a dodici anni riesce a coronare il sogno di suonare come solista in un concerto, anche se con la malinconia di non avere più accanto i nonni che tanto la avevano appoggiata.

"Non so proprio perché ti permettessimo di farlo" commentò la nonna, scoccando un'occhiataccia al nonno.
"Le stavo solo insegnando a volare" rispose lui.

La musica però riuscirà a compiere il miracolo di avvinare Ruth alla madre e a ricominciare con i genitori un nuovo rapporto più sereno e felice.

Leggendo La mia musica segreta ci si trova catapultati in un'atmosfera magica, solenne e unica: quella della musica classica e della capacità di suonare un strumento difficile come il pianoforte, che richiede tanto esercizio e sacrificio, ma che ripaga ampiamente questa fatica con una soddisfazione immensa.

Impariamo a conoscere la protagonista Ruth fin da piccola, a circa quattro anni, per seguirla fino ai dodici anni, e le descrizioni dei suoi stati d'animo e delle sue azioni nella vita quotidiana sono talmente realistiche e dettagliate che al lettore sembra di avere vissuto di persona le sue avventure.

Gli altri personaggi che circondano Ruth vengono descritti sempre dal suo punto di vista: il padre amorevole, la madre emotivamente instabile, i nonni affettuosi e adorabili e Piers, il ragazzino che forse diventerà il suo innamorato.

Quando era con Piers sognava di essere immortale e desiderava che il tempo si fermasse, per poter rivivere quei momenti all'infinito e sempre uguali.
Elena Naldi

Molte volte la bambina è troppo piccola per capire il comportamento degli adulti, così il lettore rimane all'oscuro di diverse cose che magari potevano chiarire la vicenda, ma la tecnica è interessante perché ci fa vedere tutti gli avvenimenti dall'altezza degli occhi e della mente di un bimba ingenua e candida.

Recensione di La mia musica segreta di Jane Hawking

Dopo la lettura rimane un grandissimo senso di serenità per il meraviglioso rapporto tra nipotina e nonni, e anche la voglia di approfondire la conoscenza delle opere di Beethoven e Bach, che creano tanta gioia nei protagonisti del romanzo.

Consiglio La mia musica segreta a chi ama la musica e i nonni e a chi vuole approfondire la vita quotidiana di una famiglia semplice inglese del secondo dopoguerra.

Gli articoli firmati sono dei nostri collaboratori.

About Jane Hawking

Prima moglie dello scienziato e scrittore Stephen Hawking, è autrice del memoir bestseller Verso l'infinito, pubblicato da Piemme, e diventato il film La teoria del tutto, premiato agli Oscar.

Recensione di La mia musica segreta di Jane Hawking

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :