Magazine Libri

Recensione in Anteprima: "BLOOD AND ROSES - INCENDIO" (Blood & Roses series, #3) di Callie Hart

Creato il 13 dicembre 2019 da Blog

Recensione Anteprima:


Genere: Mafia Romance/ BDSMEditore: Always PublishingSerie: Blood & Roses, #2Pagine: 120Prezzo: € 1.99 ebookUscita: 13 dicembre 2019
Lei è disposta a danzare con il diavolo pur di ritrovare sua sorella.
Lui non avrebbe mai pensato che una donna potesse stravolgergli la vita.
Sloane Romera è nel mirino del potente Charlie Holsan, e l’uomo che dovrebbe proteggerla non se la passa meglio: con Julio, pappone e boss della mafia messicana da una parte e il temibile Presidente dei Widow Makers dall'altra, Zeth Myfair cammina sul filo del rasoio.Messa alle strette dagli eventi, Sloane è stata obbligata a lasciare Seattle e l’ospedale in cui lavora per cercare riparo in Zeth, anche se quest’ultimo è bloccato in un compound nel bel mezzo del deserto californiano in una delicata e suicida operazione sotto copertura per trovare Alexis Romera.Sloane abbandona ogni cautela e sfida i criminali più potenti del Paese, decisa come non mai a riabbracciare sua sorella dopo due anni di serrata ricerca.Dopotutto, cosa potrebbe andare storto nelle successive 48 ore?

Tra fughe nel deserto, sparatorie e sentimenti sempre più difficili da arginare, Zeth e Sloane scopriranno che il pericolo non è mai stato così eccitante. 
ATTENZIONELa Blood and Roses è una serie di sei mini volumi tutti fra loro collegati, e l'editore lavorerà senza sosta per pubblicarli tutti entro l'anno.

Lo schema di pubblicazione della serie:6 ebook - uno per ogni parte, come da divisione originale dell'autrice.3 cartacei - ciascuno racchiuderà due volumi della serie, e saranno pubblicati insieme all'uscita del secondo, quarto e sesto volume digitale.La serie Blood & Roses è così  composta:1 -  Blood and Roses - Corruzione (Deviant)2 - Fracture - Frattura3 - Burn - Incendio4 - Fallen5 - Twisted

6 - CollateralL'AUTRICE

Recensione Anteprima:

Callie Hart è un’autrice bestseller di USA Today di romanzi rosa contemporanei e dark. La sua serie Blood and Roses è attualmente in corso di traduzione in diversi lingue in tutto il mondo. Dopo aver trascorso gli ultimi sette anni in Australia, Callie ora chiama casa Los Angeles, dove le piace fare escursioni, trascorrere del tempo in spiaggia, prendere lezioni quotidiane di yoga e fingere di essere una hipster.A Callie spesso chiedono: "Che cos'è il Dark romance?"La sua risposta è sempre la stessa: il Dark romance è una storia che ti fa innamorare dell'antieroe. È una storia che ti fa camminare sul filo del rasoio, mettere in discussione la tua sanità mentale e lasciare la morale fuori dalla porta. Se ti piace una bella storia che parla di un ragazzo molto cattivo, allora il dark romance fa per te.
Con il suo nome reale, Frankie Rose, Callie scrive young adult che hanno raccolto consensi a livello globale ed ha ricevuto numerosi premi per la sua serie "Halo". È anche caporedattore di Metric Magazine, lanciato nel 2017.
Recensione Anteprima:

Recensione Anteprima:

Recensione Anteprima:

Zeth è tornato. Ripeto, Zeth è tornato. Okay, ora potete smettere di sospirare, vi ho già concesso due frasi per lui e sono troppe perché Incendio è il dominio incontrastato della dottoressa Sloane Romera.E Sloane è un gigante, una donna dalla personalità complessa, dalla grande sensibilità e dalle palle d’acciaio che farebbero invidia persino a Superman.Sloane Romera respira in ogni pagina, anche in quelle dedicate a Zeth: non c’è pensiero del nostro lupo cattivo che non la coinvolga, che non sia indirizzato ad analizzare la forza e l’imprevedibilità di questa donna che non arretra mai, nemmeno nei momenti più difficili, nemmeno quando scappare sarebbe più facile. Sì, proprio così, perché i pericoli aumentano, le minacce si moltiplicano, le probabilità di finire a faccia in giù sgozzati in un fosso schizzano a percentuali terrificanti anche solo da calcolare.Circondati su più fronti da persone che vogliono farli fuori, Zeth e Sloane non sono al sicuro. Ma Zeth conosce i pericoli della sua vita, sa che la morte, una brutta morte, è il rischio del suo mestiere poiché sin da piccolo ha respirato pane e criminalità. Sloane no. Sloane è cresciuta nella famiglia del mulino bianco, tutta devozione e religiosità, abbeverandosi di un tessuto spirituale che fonda sulla Bibbia la sua autorità.Questo fa la differenza, questo rende il suo coraggio e la sua forza un miracolo. Da Zeth ce l’aspettiamo, lui è ciò che è e c’è un motivo per cui è il cattivo, ma Sloane nella guerra è stata trascinata senza possibilità di scelta, eppure non si è nascosta in un angolino a singhiozzare: ha imbracciato un fottuto AK-47 per difendere se stessa e le persone che ama.Sì, perché che Zeth e Sloane si amino non è da mettere in dubbio, al massimo bisogna sperare che lo capiscano e smettano di girarci intorno. Lo ammetto, benché Zeth in confronto a Sloane sia poco più di un cavernicolo cazzaro che passa il tempo a raccontarsi quanto è figo e quanto è forte, insieme sono perfetti.Lui la provoca, la sprona a tirare fuori la forza e la spregiudicatezza che vivono in lei; viceversa, Sloane lo aiuta a riflettere in termini più profondi, a prendere in esame emozioni e sensazioni che senza lei al suo fianco probabilmente avrebbe rifiutato. Sloane lo accoglie, accoglie la sua oscurità e, nonostante ne sia giustamente spaventata, non cede mai; e fanculo se ogni tanto il timore fa capolino, Sloane sa che ciò che hanno è prezioso tanto quanto lo sa lui, e forse Zeth lo avverte nelle ossa ancora più di lei. Incendio vi sorprenderà con mille colpi di scena, motivo per cui non vi ho raccontato nulla della trama –sono 115 pagine, insomma, se vi avessi accennato qualcosa tanto sarebbe valso non leggerlo neppure e fermarvi al riassunto –, ma è anche un episodio di passaggio che promette uno sviluppo epico nei prossimi volumi. E sono certa che Callie Hart con la sua bravura, la sua scrittura sempre economica ma di grande intensità, non ci deluderà.Che dire? Quando arriva la quarta puntata?


Recensione Anteprima:
Recensione Anteprima:


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Magazine