Magazine Libri

Recensione: LA CORTE DI NEBBIA E FURIA di Sarah J. Maas

Creato il 10 settembre 2019 da Rosellinag
Buona settimana amici! Oggi vi parlo del secondo libro della serie La corte di rose e di spine di Sarah J. Maas. QUI trovate la recensione del primo volume, in cui vi avevo già accennato che non mi era piaciuto il protagonista maschile e speravo in qualche colpo di scena. La corte di nebbia e furia non mi ha delusa per niente.
Recensione: LA CORTE DI NEBBIA E FURIA di Sarah J. Maas Titolo: La corte di nebbia e furia Autore: Sarah J. Maas Casa editrice: Mondadori Pagine: 698

VOTO: 4/5

  
Trama: Dopo essersi sottratta al giogo di Amarantha e averla sconfitta, Feyre può finalmente ritornare alla Corte di Primavera. Per riuscirci, però, ha dovuto pagare un prezzo altissimo. Il dolore, il senso di colpa e la rabbia per le azioni terribili che è stata costretta a commettere per liberare se stessa e Tamlin, e salvare il suo popolo, infatti, la stanno mangiando viva, pezzetto dopo pezzetto. E forse nemmeno l'eternità appena conquistata sarà lunga a sufficienza per ricomporla. Qualcosa in lei si è incrinato in modo irreversibile, tanto che ormai non si riconosce più. Non si sente più la stessa Feyre che, un anno prima, aveva fatto il suo ingresso nella Corte di Primavera. E forse non è nemmeno più la stessa Feyre di cui si è innamorato Tamlin. Tanto che l'arrivo improvviso e molto teatrale di Rhysand alla corte per reclamare la soddisfazione del loro patto - secondo il quale Feyre dovrà passare con lui una settimana al mese nella misteriosa Corte della Notte, luogo di montagne e oscurità, stelle e morte - è per lei quasi un sollievo. Ma mentre Feyre cerca di barcamenarsi nel fitto intrico di strategie politiche, potere e passioni contrastanti, un male ancora più pericoloso di quello appena sconfitto incombe su Prythian. E forse la chiave per fermarlo potrebbe essere proprio lei, a patto che riesca a sfruttare a pieno i poteri che ha ricevuto in dono quando è stata trasformata in una creatura immortale, a guarire la sua anima ferita e a decidere così che direzione dare al proprio futuro e a quello di un mondo spaccato in due.

Recensione: LA CORTE DI NEBBIA E FURIA di Sarah J. Maas

Sospiroooooooooo.......... questo secondo volume ha superato alla grande tutte le mie aspettative. La corte di nebbia e di furia riprende la storia di Feyre e Tamlin, finalmente liberi dall'incantesimo che per cinquant'anni ha logorato le terre dei Fae. I due stanno organizzando il loro matrimonio e tra una festa e una riunione cercano, anche, di rimettere insieme tutti i cocci che lo scontro con la perfida Amarantha ha provocato nelle loro anime.  E poi c'è il patto con Rhys, signore supremo della corte della notte: Feyre deve passare con lui una settimana al mese per il resto dei suoi giorni.
Non vedevo l'ora di leggere questo romanzo perchè ero troppo curiosa di conoscere Rhys e ho sperato con tutto il cuore che fosse meglio di Tamlin, che, tra l'altro, si dimostrerà essere un uomo che nessuna donna vorrebbe avere accanto (almeno, io non vorrei). Con questo secondo volume la Maas ci introduce, finalmente, nella storia che ha creato e nel mondo meraviglioso che ha formato con la sua fantasia. La corte della notte è qualcosa che non mi aspettavo, come non mi aspettavo la profondità e la devozione di Rhys, la sua sensibilità e la sua apertura mentale. Un uomo del futuro in un regno retrogrado che è riuscito a costruire e proteggere la sua utopia anche nelle ore più buie.
Ho amato ogni singolo  minuto che Feyre ha tracorso alla corte della notte e i nuovi personaggi che ruotano intorno ai due protagonisti. Il bello di Sarah J. Maas sta nella sua abilità di creare personaggi secondari che rubano il cuore: Mor, Amren, Azriel e Cassian non sono comparsate, ma veri e propri coprotagonisti. Ognuno di loro ha la propria storia e tanto, ma tanto, da dire. Non mi spiacerebbe leggere qualcosa in più su di loro
Ultimo apprezzamento, poi concludo: questo secondo volume è illuminante perchè mentre il primo regala al lettore un lieto fine, il secondo apre gli occhi su quello che c'è dopo il  "vissero per sempre felici e contenti". Gli orrori che Feyre e Tamlin hanno subito e sopportato in La corte di rose e di spine non svaniscono nel nulla grazie all'amore potente che c'è tra i due. Questa circostanza rende ancora più apprezzabile il secondo volume: Tamlin e Feyre devono ricostruire le loro anime, imparare a vivere insieme in un mondo che non è più in guerra e ciò non è facile e l'amore, a quanto pare, non sempre può tutto. 
In conclusione, La corte di nebbia e di furia regala tanto di più rispetto al primo volume per cui vi consiglio caldamente di non fermarvi al primo step. Certo, ci sono alcune scene un po' trash: avrei volentieri evitato "ogni glorioso centimetro", ripetuto più di una volta in poche pagine...chi vuole intendere intenda....tuttavia io adoro come scrive la Maas, adoro le sue storie e non vedo l'ora di leggere il terzo volume. Voi lo avete letto? Che ne pensate?

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog