Magazine Libri

Recensione: "LA POESIA DELL'ANIMA" di Patrisha Mar

Creato il 02 maggio 2018 da Blog

Recensione: POESIA DELL'ANIMA


Genere: Contemporary RomanceEditore: Newton CoptonPagine: 240Prezzo: 0,99 ebook Uscita: 10 Febbraio 2018Acquistalo QUI!


Dall'autrice del bestseller La mia eccezione sei tu


Giulio Dante è un giovane meccanico che vive ad Ancona, ha una passione segreta per la poesia e fa da padre al fratello Tommaso, che ha la sindrome di Down. Nella sua vita non c’è posto per l’amore, ma solo per avventure mordi e fuggi. Solo che Giulio non ha fatto i conti con il destino: sarà proprio una delle sue “avventure”, infatti, la prorompente Dafne, a presentargli Anna Prete, futura impiegata dell’officina. Chissà se il loro rapporto resterà puramente professionale…
Una storia d’amore delicata e romantica, in cui i protagonisti sono alla ricerca di se stessi e del proprio posto nel mondo. Sentimenti, voglia di riscatto, rimpianti, equivoci, paura, amicizia e amore: gli ingredienti perfetti per un romanzo che punta dritto al cuore.
Recensione: POESIA DELL'ANIMARecensione: POESIA DELL'ANIMA
Spesso capita che i momenti di felicità, di gioia e di serenità, ci colgano di sorpresa. Non siamo noi ad afferrarli, ma sono loro ad afferrare noi.Questo libro per me rappresenta proprio uno di questi momenti: un’autentica sorpresa.Dopo diverse letture che mi hanno portata oltreoceano, finalmente giochiamo in casa, in Italia, più precisamente ad Ancona, una città che, pur non conoscendola, immagino bellissima.Giulio Dante ha 32 anni. È un giovane ed affascinante uomo che dedica la sua vita alla professione di meccanico presso la sua officina e che, dopo un’adolescenza all’insegna della ribellione, a soli 19 anni si è ritrovato a fare da padre a suo fratello minore, Tommaso.
“In Giulio coesistevano due temperamenti: uno ribelle in cerca di qualcosa di irraggiungibile, l’altro razionale, concreto, votato al sacrificio.”

Da fratello e ragazzo scapestrato a padre, se non addirittura a madre chioccia. Questo gli ha cambiato la vita facendogli decidere di tenersi alla larga dai sentimenti e dai legami fissi. Le donne rappresentano solo un piacevole passatempo, giusto quello che gli serve per placare un bisogno fisiologico, uno scambio di piacere senza alcun impegno, perché adesso, e per sempre, lui deve prendersi cura solo di suo fratello.Tommaso Dante ha 22 anni. È un ragazzo dagli occhi con taglio orientale, è intelligente, dolce e generoso. Ama le fiabe, i manga ed i racconti fantasy. Tommaso è un fratello speciale. Tommaso è un ragazzo affetto dalla sindrome di Down.Questo è il motivo che spinge Giulio a vegliare e proteggere sempre Tommaso, anche se questi sta diventando grande e ha il desiderio di affermarsi come singolo individuo, di fare le sue scelte, giuste o sbagliate, e di realizzare la propria indipendenza, senza la costante e pressante presenza del fratello maggiore in pensiero ed apprensione per lui.
“A volte dimenticava che suo fratello non era più un bambino da difendere, che aveva un suo carattere, una sua volontà. Per lui, tuttavia, era impossibile non giudicarlo fragile, esposto, in balia di una vita chenon perdona la diversità. Doveva proteggerlo ad ogni costo, era l’unica famiglia che gli fosse rimasta.”

Poi un giorno arriva in officina Dafne, una nuova potenziale avventura per Giulio, ma da questo incontro nasce, invece, una possibilità, l’occasione che può cambiare la sua vita. Un’occasione, però, di nome Anna.Anna Prete ha 24 anni. È una “piccola donna”, timida, chiusa e sopraffatta da un ingenuo pudore che le impedisce di lasciarsi andare.
“Si era fatta talmente timida con l’altro sesso che gli uomini neppure si accorgevano della sua presenza...Il concetto di tappezzeria aveva assunto un nuovo significato grazie a lei.”

Lascia gli studi universitari di medicina per dedicarsi al padre, reso quasi infermo da un ictus che lo ha costretto a rinunciare al lavoro. Anna, per poter aiutare anche economicamente la famiglia, inizia a cercare un impiego fisso.Fortunatamente qualcosa che la rende felice c’è: i suoi amati libri. Il suo mondo.
“Leggere di amori lontani, di amori presenti, di amori sofferti le sembrava l’unico modoper esorcizzare i timori che la consumavano, il solo che le desse la speranza che il tempoe l’uomo giusto un giorno sarebbero arrivati.”

Ma come si incontrano le strade dei protagonisti?Anna è la migliore amica di Dafne. Dafne capita nell’officina di Giulio per riparare la sua auto. Giulio cerca una segretaria e così... et voilà! Il gioco è fatto: Anna inizia a lavorare per Giulio e, nel frattempo, ignara del fatto che siano fratelli, conosce Tommaso una domenica di fine luglio.Tra i due nasce subito una dolce e vera amicizia e con lui, per il suo modo di parlare e di porsi nei suoi confronti, non si sente goffa, intimorita e timida e, soprattutto grazie all’amore per i libri che li accomuna, trascorrono delle piacevoli ore in compagnia, confrontandosi sulle trame delle loro letture.Anna non guarda Tommaso come fanno tutti gli altri, non si ferma alle apparenze, riuscendo ad andare oltre. Gli altri in Tommaso vedono le differenze, lei no.
“La differenza è solo nell’occhio di chi guarda. La normalità è solo un punto di vista”

E se Anna e Tommaso condividono questa passione, Giulio coltiva l’amore per la poesia. Con un foglio bianco, un taccuino e una penna, lui ritrova se stesso ed è finalmente libero come la vita non gli permette di essere. Però nessuno, compreso Tommaso che ne è al corrente, ha mai letto le sue poesie, poiché quel taccuino in cui scrive i suoi pensieri è solo suo.
“Nessuno lo avrebbe mai letto, nessuno avrebbe mai avuto tanto potere su di lui, sulla sua vita.”

Cosa pensa Anna di Giulio?Per lei l’amore non è un mordi e fuggi, ma qualcosa da costruire, un romantico incontro di anime e, soprattutto, lui è off-limits: è il suo datore di lavoro ed esce con Dafne. Ma, nonostante tenga Giulio a debita distanza, si sente attratta da lui e dalla sua anima triste e inquieta.E Giulio cosa pensa di Anna?
La trovava ordinaria e deliziosa allo stesso tempo… Già, perché Anna era bella, di una bellezza che le nasceva da dentro, quella stessa bellezza che Giulio aveva imparato a cogliere ed apprezzare proprio con Tommaso...perché erano entrambi puri.”

Con Anna tutto è meravigliosamente diverso: agita dentro di lui emozioni alle quali non è abituato, la desidera, ma il bisogno di lei va al di là dell’aspetto fisico ed ha paura di dare un nome a tutto ciò che prova.Riuscirà Anna a fidarsi di lui, che sino a poco prima era tra le braccia della sua migliore amica? Di lui che non vuole legami fissi? Crederà alle parole di Giulio o sarà troppo tardi?
“Prenditi il tempo che ti serve, ma torna da me. Io sarò qui...perché posso farcela,posso amarti, posso pensare di costruire un futuro.”

Come ho detto inizialmente, questo libro è stata una sorpresa, una bella e piacevole sorpresa.Dalla trama ho subito pensato a una storia simile ad altre già lette, e invece mi sbagliavo, perché stavolta ho dovuto fare i conti con farfalle nuove, e non quelle che si agitano nello stomaco, bensì quelle che ti accarezzano la pelle, come fanno le carezze dolci, delicate. Sicuramente ho amato Anna e Giulio, ma è Tommaso ad avermi scaldato il cuore, fatto sorridere e dato una lezione di vita, che solo le persone speciali come lui sono in grado di dare. Ho pensato “cavolo quanto è brava questa autrice a descrivere gli stati d’animo di Giulio o i pensieri di Tommaso, sembra di viverli personalmente!”.Poi ho letto l’epilogo, ho letto i ringraziamenti, e ho compreso.Patrisha hai fatto centro. Il messaggio che volevi trasmettere, per quanto mi riguarda, è passato con naturalezza e semplicità, arrivando dritto dritto al mio cuore. Grazie a te e alla tua Ranocchietta.Recensione: POESIA DELL'ANIMA

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog