Magazine Cultura

Recensione: La prossima persona che incontrerai in cielo di Mitch Albom

Creato il 24 maggio 2019 da Roryone @colorelibri

LA PROSSIMA PERSONA CHE INCONTRERAI IN CIELO
Recensione: La prossima persona che incontrerai in cielo di Mitch Albomdi Mitch Albom
Prezzo: € 16,50  |Ebook: € 9,99 |Pagine: 192| Genere: Narrativa Contemporanea |Editore:  Sperling & Kupfer | Data di pubblicazione:  26 Marzo 2019

TramaLa vita, si sa, non è un rettilineo che scorre all'infinito senza scosse e senza ostacoli; prima o poi, il destino si rivela nei suoi risvolti più ardui e tortuosi. Ma non è neppure un viaggio solitario e accidentale: il nostro cammino è costellato di incontri, di altre rotte che intrecciano e accompagnano la nostra in maniera non casuale, anche quando non ne siamo consapevoli. Siamo un breve tratto di una grande mappa, uno snodo di trama in un intreccio di storie. Siamo la parte minuscola ma indispensabile di un disegno che ci sfugge. Da bambina, Annie è stata protagonista involontaria di quello che molti hanno definito un miracolo: salvata da un incidente fatale grazie all'atto eroico di un uomo che ha dato la vita per lei. Ma quell'episodio l'ha segnata profondamente, nel corpo e nell'anima. Le è costato tanto trovare il suo posto nel mondo e accettare se stessa, senza sentirsi sbagliata. Finché, quando crede di stringere finalmente in pugno la felicità, una catena ineluttabile di eventi la strappa a questa vita. Ora il viaggio di Annie continua verso il Cielo. E proprio in questa nuova parte del cammino si ripetono cinque degli incontri che più hanno segnato la sua esistenza. Ognuna delle cinque persone che ritrova le farà a suo modo capire come nulla sia stato vano, e quanto ogni attimo terreno da lei vissuto sia stato importante - per lei stessa e per chi l'ha conosciuta. Perché tutto ciò che facciamo lascia un segno nelle vite degli altri, e ognuno di noi conta nel disegno più grande che ci unisce. Basterebbe solo alzare gli occhi e abbracciare con lo sguardo quell'orizzonte dove ogni fine sfuma in un principio e ogni singolo si fonde con un tutto che lo illumina
 
 IL MIO PENSIERO SUL LIBRO

Diciamocelo, abbiamo tutti un desiderio nascosto, ovvero quello che la nostra vita non sia stata vana, che dopo la morte continuiamo in qualche modo ad esistere e che finalmente possiamo "vivere" sereni per l'eternità.
Soprattutto se la vita che stiamo vivendo non va per il verso giusto.
la vita di Annie non è mai stata perfetta.
Nell'infanzia è stata coinvolta in un incidente dove un uomo ha perso la vita per salvarla e dove lei è rimasta in qualche modo menomata.
Una ferita fisica che l'ha portata ad essere oggetto di prese in giro da parte degli altri bambini e che si è trasformata anche in un dolore dell'anima.
Ma quando finalmente crede di aver trovato il suo posto nel mondo e di aver raggiunto la felicità, la sua vita finisce su questa terra e il suo spirito continua il viaggio verso un luogo di pace.
Ma prima deve incontrare e parlare con le cinque persone che hanno segnato di più la sua vita.
Il suo spirito ne uscirà completamente cambiato.
La trama è originale, coerente ed emozionale.
Annie è un infermiera gentile, disponibile, sempre pronta ad aiutare il prossimo. 
Nella sua infanzia è stata una bambina sensibile, introversa, sempre alla ricerca di accettazione.
E' un personaggio ben strutturato, sia caratterialmente che psicologicamente, ed è sicuramente un personaggio in crescita.
Paulo è un uomo bello, forte, sicuro di se.
Una persona che ogni donna vorrebbe accanto.
Da piccolo è stato colui che ha accettato da subito Annie, e la loro amicizia speciale è continuata per tutta la vita.
Ben caratterizzato e descritto è un personaggio che pur non essendo il protagonista ha un ruolo centrale.
Gli altri personaggi sono tutti in secondo piano rispetto ai protagonisti e non sono così ben delineati, ma si capisce che è una scelta dell'autore per dare risalto ad Annie.
la scrittura è scorrevole, emozionale e intensa.
lo stile è elegante, ma non pomposo, con un ritmo di lettura giusto per la questa trama.
Buon uso dello show don't tell che porta il lettore ad immedesimarsi nella storia e a vivere le emozioni dei protagonisti.
Dialoghi intensi, credibili, che conferiscono tridimensionalità alla vicenda.
L'ambientazione fa da cornice alla  storia, ma a parte in alcuni episodi non ha una grande importanza.
Sicuramente una storia che colpisce, che fa vivere emozioni intense, dolce e amara allo stesso tempo.
Un libro che fa riflettere sulla vita, sui casi del destino, e su come tutto sia correlato.
Da leggere a lume di candela, sorseggiando una tisana, con un pacchetto di fazzoletti vicino all'occorrenza.
Consigliato agli amanti del genere e a tutti coloro che amano leggere storie che lasciano il segno.
Recensione: La prossima persona che incontrerai in cielo di Mitch Albom
Recensione: La prossima persona che incontrerai in cielo di Mitch Albom



Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog