Magazine Libri

Recensione: "Un lungo fatale ultimo addio" - Velo Nero

Creato il 23 dicembre 2017 da Claudia @ClaudiaeLauraB
Recensione: lungo fatale ultimo addio

Editore Newton ComptonPagine 284Prezzo cartaceo 5.30 EUROPrezzo ebook 4,99 EURO 

Anno prima edizione 2015
Genere Romanzo Rosa
Recensione: lungo fatale ultimo addioLondra 1819.
Recensione: lungo fatale ultimo addioValéry Campbell sa di mettere a rischio la propria reputazione, quando si reca nella bisca di Lady Venom, ma deve impedire al padre di giocarsi tutto in una mano di carte. Sir Arthur Campbell però ha già barattato la tenuta di famiglia e, con l’acqua alla gola, tenta di vendere anche la figlia a un losco e ricchissimo libertino, Lord Baxton. Questi non è altri che lo zio di Charles, il figlio del duca di Ragland, anche lui ospite della bisca: è proprio in quest’occasione che Valéry lo rincontra, dopo anni, e scopre di provare qualcosa per lui. Naufragato l’estremo tentativo di ripagare i suoi debiti, Sir Arthur, in un accesso di disperazione, si suicida al tavolo da gioco. Da questo momento in poi la vita di Valéry si complica terribilmente. I trascorsi della sua famiglia non le permettono di sposare Charles e al tempo stesso si trova a lottare con tutte le forze per resistere ai tentativi di seduzione di Lord Baxton, al quale non vuole cedere. Lo scontro tra i due è aperto e dichiarato: ma chi è davvero David Baxton? Quel che Valéry pensa di lui corrisponde a verità?
Recensione: lungo fatale ultimo addioLondra 1819.
Valéry Campbell si fionda nella bisca dove suo padre si sta giocando ciò che rimane della sua eredità.
E' un poco di buono, un essere di una bassezza morale tale da mettere sul piatto delle scommesse la virtù della figlia.
A giocare con lui c'è il famigerato Lord David Baxton, zio di Charles, ragazzo da cui Valéry è attratta.
Lord Baxton sembra stuzzicato dall'idea di vincere la ragazza eppure arma la mano del padre di Valéry, spingendolo a un gesto disperato.
Da quel momento Lord Baxton proteggerà la giovane in così tanti taciti modi che lei stessa faticherà a riconoscere.
Valéry ritorna poi nell'istituto dove lavora come istitutrice, le viene anche assegnato il compito di accompagnare le giovani alle riunioni famigliari, e proprio tra loro c'è Amanda, la cugina di Charles.
Valéry si trova di nuovo a stretto contatto con Lord Baxton, che non manca occasione per stuzzicarla e provocarla.
"Credo davvero che tu sia nata per me."
Recensione: lungo fatale ultimo addio
Questo libro mi ha soddisfatta e insoddisfatta allo stesso tempo.
La trama è narrata con tagli netti tra una scena e l'altra e a un certo punto, Valéry prende una decisione decisamente in contrasto con il suo personaggio.
Inoltre, non si percepisce molto l'atmosfera dell'epoca e i ci sono così tanti personaggi che si fatica a inquadrarli tutti.
Però ... però ... la storia è da attacco cardiaco!
E Lord Baxton! Ti ruba il cuore non appena fa la sua prima apparizione!
E' il classico libertino pieno di demoni che lo torturano ma al contempo lo rendono forte e oltremodo astuto.
E' provocatorio, sensuale! Inutile resistergli!
Il romanzo che lo vede protagonista è poi qualcosa di febbrile, entusiasmante.
La passione che affonda ogni decoro.
L'amore che batte la galanteria.
La provocazione che annienta l'educazione.
Sono quindi indecisa sul voto da assegnare a questo libro.
Ricapitoliamo ...
I personaggi? Meravigliosi! Anche se ho qualche dubbio su Valéry.
L'epoca? Rimandata a giudizio.
La trama? Decisamente interessante! Piena di intrighi e passione in parti uguali.
In conclusione: è un libro con le sue pecche, ma la storia che racconta mi ha rapita, motivo per cui assegno al libro:
- Trama: 4 - Narrazione: 2 - Personaggi: 5 - Cover: 4 - Finale: 4 -
Recensione: lungo fatale ultimo addio4 Wonderland su 5
Dal libro:
- "Era sempre la nipote del marchese di Guidford, ma era anche un'istitutrice senza il becco di un quattrino, la figlia di un libertino che era tolto la vita per i troppi debiti e, non ultimo, sua madre era rinchiusa in un manicomio."
- "Spesso le cose non sono come sembrano."
- "Una dolcissima, meravigliosa tempesta. Una tempesta in un bacio."

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Magazine