Magazine Informazione regionale

Record di turisti a Pompei: domenica scorsa 29.540 visite. Ma il sindaco lancia l’allarme…

Creato il 05 aprile 2016 da Vesuviolive

Pompei Canada

Pompei – Quest’anno, specialmente nel periodo delle vacanza pasquali, Napoli è stata letteralmente invasa da turisti provenienti da ogni parte del mondo. Una situazione che continua a perdurare, basta fare un giro per le vie del centro storico per vederlo, e che dimostra, ancora una volta, che, nonostante le interferenze negative dei media nazionali, la nostra città si conferma come grande ed ammirata capitale europea. Il turismo di Napoli comprende anche l’intera provincia: una delle mete più ambite di chi viene in visita è, senza ombra di dubbio, il sito archeologico di Pompei.

Migliaia di turisti, che per lo più alloggiano nel capoluogo, si imbarcano sulla circumvesuviana per raggiungere l’ambita città distrutta dalla furia del Vesuvio, non senza disagi. Abbiamo visto, infatti, come lo sciopero indetto dai dipendenti Eav abbia causato non pochi disagi al flusso di visitatori rimasto bloccato nel comune vesuviano senza modo di ritornare a Napoli. Un campanello d’allarme che fa bene intuire che per gestire numeri simili c’è bisogno di provvedimenti che aiutino l’intera area interessata e non solo la grande città. Domenica il comune di Pompei ha contato ben 29.540 turisti, un traguardo record che in circostanze normali sarebbe motivo d’orgoglio, ma il sindaco Ferdinando Uliano teme per la sicurezza e l’organizzazione del piccolo centro abitato.

“Chiedo con determinazione ancora una volta, al governo centrale e regionale – afferma il primo cittadino – una legge speciale per Pompei. Non solo disagi per la presenza dei turisti, per il traffico, l’aumento dei rifiuti, la necessità di assistenza della polizia locale e così via. I turisti devono rappresentare la rinascita di Pompei. Abbiamo bisogno di finanziamenti per assicurare accoglienza creare servizi adeguati. E, contemporaneamente, avremo posti di lavoro per tantissimi disoccupati di Pompei e delle città vicine.”


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :